Analisi competitor: la concorrenza sotto la lente

Analisi competitor: la concorrenza sotto la lente

17 Gen 2023 | Articoli su Marketing

L’analisi dei competitor è fondamentale per un’azienda perché consente di comprendere il mercato in cui opera e di identificare le opportunità e le minacce. Conoscere i propri concorrenti permette di capire come essi si posizionano rispetto ai propri prodotti o servizi, quali sono i loro punti di forza e di debolezza e come si differenziano dalla propria azienda. Inoltre, l’analisi dei competitors può aiutare a identificare le tendenze del mercato e a prevedere i cambiamenti futuri, per poter adattare la propria strategia di conseguenza. Grazie all’analisi è possibile creare una propria strategia di marketing più efficace e di posizionare i propri prodotti o servizi in modo da differenziarsi dalla concorrenza e attrarre i clienti. In sintesi, l’analisi dei competitors è un elemento chiave per la pianificazione del marketing aziendale e la messa in atto di una strategia aziendale vincente.

Analisi dei competitor: cos’è e perché dovrebbe sempre essere fatta

L’analisi dei competitor è un’attività di analisi che mira a comprendere il mercato in cui un’azienda opera, identificando le opportunità e le minacce rappresentate dai propri concorrenti. Consiste nell’osservazione e nella valutazione delle caratteristiche, delle strategie e delle performance dei concorrenti per comprendere come essi si posizionano rispetto alla propria azienda.

L’analisi dei competitor può essere effettuata utilizzando diverse tecniche e metodologie, tra cui:

  1. Analisi delle caratteristiche: consiste nel raccogliere informazioni sui prodotti o servizi offerti dai concorrenti, sulle loro caratteristiche, sui prezzi e sui punti di forza e di debolezza.
  2. Analisi delle strategie: consiste nell’osservazione delle strategie utilizzate dai concorrenti, come la pubblicità, la distribuzione, la segmentazione del mercato e l’utilizzo delle risorse.
  3. Esame delle performance: consiste nell’osservazione delle performance dei concorrenti, come i ricavi, i profitti, le quote di mercato e le tendenze dei dati finanziari.
  4. Analisi della reputazione: si tratta di osservare e valutare la reputazione dei concorrenti, come la percezione del pubblico e la brand awareness.

L’analisi dei competitor può essere effettuata utilizzando diverse fonti d’informazioni, tra cui:

  • siti web e pubblicazioni dei concorrenti
  • rapporti di mercato
  • dati finanziari e statistiche ufficiali
  • interviste con clienti, fornitori e collaboratori dei concorrenti.

Conoscere i propri concorrenti è fondamentale per pianificare e mettere in atto una strategia aziendale vincente.

Analisi competitor: in tre step

Analisi competitor

Individuare i concorrenti

L’identificazione dei concorrenti è la prima fase dell’analisi dei competitor e consiste nell’individuare chi sono i concorrenti diretti e indiretti dell’azienda.

  • I concorrenti diretti sono quelle aziende che offrono prodotti o servizi simili a quelli dell’azienda in questione e che si rivolgono allo stesso target di clienti. Si tratta, quindi, dei principali attori del mercato e rappresentano una minaccia diretta per l’azienda.
  • I concorrenti indiretti, invece, sono quelle aziende che offrono prodotti o servizi che possono essere considerati sostitutivi di quelli dell’azienda in questione. Essi rappresentano quindi una minaccia indiretta per l’azienda in quanto possono attrarre i clienti con alternative valide.

In questa fase è importante comprendere come i concorrenti si posizionano sul mercato e come si differenziano dalla propria azienda. Ad esempio, è importante capire:

  • quali sono i loro punti di forza e di debolezza
  • come si differenziano dalla propria azienda in termini di prodotto, prezzo, distribuzione, marketing e risorse
  • quali sono le loro strategie per attrarre i clienti e come si adattano alle tendenze del mercato.

Inoltre, è importante tenere conto che i concorrenti possono cambiare nel tempo e che è necessario effettuare un’analisi dei competitor periodicamente per tenere traccia dei cambiamenti del mercato e adattare di conseguenza la propria strategia.

Raccogliere dati ed informazioni sui competitors     

La raccolta e l’analisi dei dati è una fase cruciale dell’analisi dei competitor, in quanto consente di comprendere le caratteristiche, le strategie e le performance dei concorrenti. Una volta identificati i concorrenti, è necessario raccogliere informazioni su di loro. Ci sono diverse fonti di informazioni che possono essere utilizzate per raccogliere i dati sui concorrenti, tra cui:

  • Siti web e pubblicazioni dei concorrenti: possono fornire informazioni sui loro prodotti, servizi, prezzi, distribuzione, marketing e risorse. Inoltre, i concorrenti possono pubblicare relazioni annuali, rapporti di mercato e altre pubblicazioni che possono fornire informazioni utili.
  • Rapporti di mercato: forniscono informazioni sui trend e le tendenze del mercato e sui concorrenti, inclusi i loro ricavi, i profitti e le quote di mercato.
  • Dati finanziari e statistiche ufficiali: servono a ricavare informazioni sui bilanci, sui profitti e sui ricavi dei concorrenti.
  • Interviste con clienti, fornitori e collaboratori dei concorrenti: sono utili per mettere insieme le informazioni sulle percezioni dei clienti, dei fornitori e dei collaboratori sui concorrenti e sui loro prodotti o servizi.
Analisi competitor

Analisi comparativa: analizzare tutti i dati                          

Utilizzare le informazioni raccolte durante l’analisi dei competitor è fondamentale per pianificare e mettere in atto una strategia aziendale vincente. In particolare, le informazioni raccolte possono essere utilizzate per:

Identificare le opportunità e le minacce rappresentate dai concorrenti: come ad esempio i punti di forza e di debolezza dei concorrenti, le tendenze del mercato e le opportunità di nicchia.

  1. Adattare il proprio marketing strategico: tornano molto comode per la segmentazione del mercato, la scelta del target di clienti, la definizione dei messaggi di marketing e la scelta delle attività di promozione.
  • Differenziare i propri prodotti o servizi rispetto a quelli della concorrenza: utilizzabili, ad esempio, attraverso la creazione di nuovi prodotti o servizi, la personalizzazione dei prodotti o servizi esistenti o l’offerta di servizi di assistenza al cliente di qualità superiore.
  • Valutare la propria posizione rispetto alla concorrenza e per identificare eventuali lacune nell’offerta dell’azienda, in modo da poterle colmare per diventare più competitivi sul mercato.

Analisi SWOT cos’è, come funziona e perché farla

All’analisi SWOT avevamo già accennato nell’articolo: “Come redigere un business plan per il proprio progetto imprenditoriale” e torniamo oggi a parlarne visto che si tratta di un metodo utilizzato per analizzare la posizione competitiva di un’azienda all’interno di un mercato. Consiste nell’identificare le sue Forze, le Sue Debolezze, le Opportunità e le Minacce (da qui l’acronimo SWOT).

Il metodo SWOT è utilizzato per valutare la posizione attuale dell’azienda e per identificare le opportunità e le minacce rappresentate dai concorrenti. Consiste nell’elencare le forze e le debolezze interne dell’azienda, le opportunità e le minacce esterne del mercato.

Per eseguire un’analisi SWOT dei competitor, è necessario raccogliere informazioni sui concorrenti, individuare le loro forze e debolezze, le opportunità e le minacce rappresentate dal mercato e valutare come questi si posizionano rispetto all’azienda. Si tratta di un metodo molto efficace che può essere utilizzato in varie occasioni: dalla necessità di inserirla in un business plan fino all’opportunità di usarla quando si decide di aprire un ecommerce.

Analisi competitor

Analisi dei competitor come fare se non si sa fare!

Un’analisi dei competitor può essere effettuata da diverse figure professionali:

  • Responsabile marketing – solitamente è la figura più adatta per effettuare l’analisi competitor in quanto ha la competenza per comprendere il mercato e le strategie di marketing dei concorrenti e utilizzare le informazioni raccolte per pianificare e mettere in atto una strategia di marketing efficace.
  • Responsabile delle strategie aziendali: si tratta di un professionista che può essere incaricato dell’analisi dei competitor in quanto è responsabile della pianificazione e della messa in atto della strategia aziendale e ha quindi la competenza per comprendere le opportunità e le minacce rappresentate dai concorrenti.
  • Il responsabile della ricerca di mercato: anche questa figura può essere incaricata dell’analisi dei competitor in quanto ha la competenza per raccogliere e analizzare i dati relativi al mercato e ai concorrenti.
  • Analista dati: questa figura può essere incaricata di raccogliere e analizzare i dati relativi ai concorrenti e di utilizzare le informazioni raccolte per aiutare l’azienda a prendere decisioni strategiche.

Analisi competitors per e-commerce

Nello specifico, nell’ambito del commercio elettronico l’analisi dei competitor può essere effettuata anche da:

  1. Freelance marketing digitale: può essere incaricato dell’analisi dei competitor in quanto ha la competenza per comprendere le opportunità e le minacce rappresentate dai concorrenti online e per pianificare e mettere in atto una strategia di marketing digitale efficace.
  2. Analista del traffico: può effettuare un’analisi dei competitor per un e-commerce utilizzando diverse tecniche e strumenti, tra cui: monitoraggio del traffico, analisi SEO, monitoraggio dei social media, analisi dei prezzi, analisi delle recensioni.
  3. Consulente SEO: attraverso analisi delle parole chiave, analisi dei backlink, analisi della struttura del sito e dei contenuti,un esperto SEO può realizzare una dettagliata analisi dei competitors
  4. Esperto di web Analitycs: si tratta di un professionista che attraverso l’analisi del traffico, dei dati di navigazione, dei dati di acquisizione, di quelli di comportamento e dei dati anagrafici, è in grado di tracciare una dettagliata analisi competitor.
  5. Esperto di marketing automation: è possibile rivolgersi anche a questa figura per stilare un’attenta analisi dei propri competitors. Un professionista che grazie all’analisi dei flussi di automazione, delle campagne di email marketing, dei contenuti, delle metriche e dei modelli di comportamento, è in grado di redigere un benchmarking particolarmente dettagliato.

Ti potrebbe interessare anche…

Come apparire su Google shopping

Come apparire su Google shopping

Nel 2023 lanci il tuo ecommerce: ottima idea, è un’attività in crescita! La concorrenza è tanta, devi venderti bene nei motori di Ricerca: leggi subito come apparire su Google Shopping catturando clienti Cos'è Google shopping Lanci un ecommerce, il 2023 è l’anno...

Social Media Strategy: ecco come pianificare una valida strategia

Social Media Strategy: ecco come pianificare una valida strategia

Le social media strategy sono piani di azione specifici che mirano a raggiungere determinati obiettivi attraverso l'utilizzo delle piattaforme social media. Possono essere utilizzate sia a scopo promozionale che per creare e mantenere una presenza online forte e...

Demand Generation: ottimizzazione lead e conversione in clienti

Demand Generation: ottimizzazione lead e conversione in clienti

La demand generation è una strategia di marketing volta a creare interesse e richiesta per un prodotto o servizio, al fine di generare lead qualificati per il sales team. Si tratta di un'attività che ha lo scopo di promuovere un'azienda e il suo brand, attraverso...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cos’è AddLance?

AddLance è un servizio gratuito che ti permette di trovare l’aiuto che cerchi. Hai bisogno di un logo, di un sito web, di testi, traduzioni, consulenze legali o altro? Su AddLance ottieni gratis i contatti dei migliori professionisti italiani.

Iscriviti alla Newsletter

Share This