Sviluppo App? L’intervista: “Sappi Gestire il Post Vendita, sta Qui la Differenza tra un Professionista e un Dilettante”

sviluppo app Eugenio Chessa
Eugenio Chessa, sviluppatore app

Sviluppare app per il mobile è oggi una tra le maggiori attività richieste dal mercato agli sviluppatori. Ma per lo sviluppo app di successo non basta fare analisi di mercato e chiedersi se questa risolve un problema al cliente e in che modo. Bisogna anche affidarsi a professionisti seri che sappiano maneggiare e gestire bene la programmazione. Abbiamo chiesto ad Eugenio Chessa, un nostro addlancer che sviluppa applicazioni ormai da diversi anni. E che ha messo sul tavolo la sua esperienza. Un prezioso contributo, soprattutto per le nuove leve e i giovani sviluppatori freelance.

 

Eugenio, tu ti occupi di sviluppo di siti web e di app per mobile. Puoi dirci perché oggi si dovrebbe avere una app e quando hai iniziato a capire che progettarle sarebbe diventata la tua attività?

Ho iniziato nel 2009, quando ho comprato il primo iPhone. Per iOS è stato amore da subito. Sul perché oggi un qualunque attività lavorativa dovrebbe avere una app è presto detto:  se vuoi essere trovato devi brandizzare la tua azienda. L’app è il futuro rispetto al web per le aziende. Anche se il web c’è e ci sarà, perché è la base su cui poggiano le applicazioni, come il cloud. E poi oggi le app sono fondamentali e “tolgono dai pasticci” in tanti aspetti della vita quotidiana. Pensiamo solo alla facilità con cui si può chiamare un taxi, anche all’estero, con una semplice applicazione mobile. (altro…)

Storie Freelance: “Lavorate Insieme, fare Sistema vi Renderà più Competitivi”

Freelancer Luca Bellè
Luca Bellè, professionista freelance

Intervista a Luca Bellèfreelancer che fa parte di un team di professionisti in ambito web. Un insieme di lavoratori  che si occupano di progettazione e realizzazione di soluzioni di web marketing; della realizzazione di portali web, di grafica e di piani marketing. Ma anche di siti vetrina, di landing page e di veri e propri e-commerce.

Quanto tempo ci ha messo per arrivare  dove è ora e cosa suggerirebbe ai nostri lettori che le hanno provate tutte e sono già stanchi e frustrati?

Lavoro nell’ambito dello sviluppo web da circa 10 anni, con diversi percorsi di formazione che vanno dal PHP in avanti. Ho collaborato con start up in ambito digital e da lì, poi, ho deciso di mettermi in proprio. Per avere la libertà sulle mie scelte lavorative e per poter applicare creatività ai miei progetti di lavoro. (altro…)

Segui i Tuoi Interessi e poi il Mercato, Parola di Marketer

Come diventare freelance oggi? Una domanda che sempre più professionisti o laureati con uno o più stage già all’attivo si fanno. Maria Giovanna Oggero, professionista freelance ha deciso di lasciare il suo lavoro da dipendente. “È avvenuto due anni fa, quando mi sono sentita sufficientemente preparata”. E poi non finisce qui, il mondo del lavoro del freelance significa “studiare, studiare, studiare” e rimanere sempre aggiornati. Solo così ci si rende professionalmente e realmente competitivi.

La Oggero oggi offre servizi freelance nel campo del web e del social media marketing, nella realizzazione di pubblicità, nella lead generation e nel web design. Con il suo bagaglio di esperienze elabora una strategia in 4 punti, semplice ma estremamente vera ed efficace, su come diventare freelance oggi.

Leggi l’intera intervista che abbiamo realizzato a Maria Giovanna Oggero, in esclusiva per il blog di AddLance. (altro…)

Come fare il freelance? Aspettati un Contatto Diretto, da Subito, con il tuo Committente

come fare il freelance
Stefano Testa, professionista freelance

Come fare il freelance? Ognuno risponde in modo diverso a questa domanda, in base all’esperienza che si è fatto strada facendo. C’è chi dice che bisogna studiare, chi preferisce fare sistema con altri freelance per offrire ai clienti un pacchetto a tutto tondo. Questo è il secondo appuntamento con la serie di interviste che la redazione di AddLance ha deciso di dedicare a professionisti freelance iscritti al nostro portale. Oggi è il turno di Stefano Testa, fotografo e videomaker. Senza giri di parole dice chiaramente che il “nuovo” freelance che approda a questo modo (e mondo) di lavorare deve essere preparato. Non solo professionalmente, s’intende. Deve essere preparato a gestire il contatto diretto con il proprio committente. E, in altre, parole, essere preparato a sapersi vendere bene. Con onestà, certo, ma deve sapere come essere convincente e affidabile, per convincere il committente a scegliere proprio lui. (altro…)