3 Idee per il Facebook aziendale

17 Set 2022 | Articoli su Marketing

facebook aziendale

A corto di idee su cosa pubblicare su Facebook aziendale? Leggi qui i nostri suggerimenti! E con l’aiuto di un social manager competente, vedrai che il tuo profilo aziendale Facebook sarà veramente a prova di bomba. Non lasciare nulla al caso, perché i “futuri” clienti passano anche da qui. Quindi la tua vetrina social deve essere perfettamente curata per dare della tua azienda (o del tuo personal brand) un’ottima impressione da subito.

Facebook aziendale, idea 1: Rendi umana la tua azienda

Dopo che avrai finito di creare la tua pagina Facebook arriva la domanda: cosa pubblicare su Facebook aziendale? La prima idea che ti proponiamo è questa. Ovvero rendi umana la tua azienda.

L’uso della pagina Facebook aziendale ha proprio questo obiettivo: avvicinare l’azienda al consumatore (in target, ovviamente) favorendo le interazioni (engagement) e rendendola più umana e vicina al pubblico. Come puoi fare questo? Non solo ripubblicando i post del tuo blog o articoli di interesse provenienti da siti affini. Puoi promuovere l’engagement anche pubblicando:

  • Concorsi e challange
  • Distribuire omaggi e/o gadget aziendali
  • Pubblicare recensioni e testimonianze dei prodotti o servizi che vendi (veritiere, mi raccomando, per evitare uno spiacevolissimo effetto boomerang)
  • Annunciare a tutti le novità aziendali
  • Condividere aneddoti simpatici che riguardano la tua azienda, anche facendo uso dei reel Facebook, brevi storie video che possono raggiungere un pubblico anche molto vasto.

Facebook aziendale, idea 2: Agisci e promuovi con costanza

La pagina Facebook aziendale serve a questo: a promuovere la tua azienda, i tuoi prodotti e i tuoi servizi. Non devi necessariamente essere a capo di un’impresa e neanche di una start-up. Se sei un libero professionista puoi aprire il tuo profilo “aziendale” ugualmente e puntare tutto sul tuo personal brand. Ingaggia un social manager, ti aiuterà a stimolare la brand awareness su Facebook & company e la tua popolarità inizierà a crescere, così come i tuoi clienti.

Leggi anche Contenuti web: esempi di CTA che funzionano

A prescindere dall’essere azienda o libero professionista, sulla tua pagina Facebook aziendale promuovi con costanza il tuo core business. Puoi usare allo scopo il pulsante CTA, call-to-action. L’obiettivo è quello di spingere i follower della tua pagina a compiere azioni, stimolando la comunicazione biunivoca e l’engagement e permettendo a te (azienda) di raccogliere preziose informazioni.

Ogni tanto, dunque, crea un post con un bel pulsante call-to-action per invitare i fan a:

  • Iscriversi alla newsletter
  • Votare un prodotto/servizio
  • Partecipare ad un sondaggio (per fornire una propria opinione).

Riceverai un flusso di dati e informazioni preziosissime che possono orientare le tue future mosse di marketing. E i follower si sentiranno importanti perché chiamati in prima persona a decidere, interagire con il brand. Puoi usare immagini, gif e ovviamente video. Purché il profilo appaia già a colpo d’occhio semplice e soprattutto molto ordinato.

Idea 3: Spazia. Non esiste solo Facebook aziendale

Eh già. Qualunque media manager vorrai ingaggiare per aiutarti nel viaggio social, ti inviterà presto ad aprire:

  • Un profilo aziendale Instagram
  • Un profilo LinkedIn aziendale

Certo, non tutti i social vanno bene per tutte le aziende. Molto dipende dalla target audience e dalle sue abitudini “social“. Tuttavia, ampliare le proprie pagine e non concentrarsi solo su Facebook ti aiuterà a potenziare la tua brand awareness e ad acquisire nuovi follower.

Leggi anche Conquista il cliente: sfrutta l’Attention Economy

Se la tua attività lo consente, in relazione al tuo core business e alla tua target audience, puoi aprire anche un profilo Instagram aziendale. Qui puoi pubblicare:

  • Stories e dirette video
  • Schede e presentazioni di prodotto
  • Il “dietro le quinte” di eventi e momenti aziendali
  • Concorsi a premi
  • Lancio di nuovi prodotti/servizi della tua azienda
  • Post celebrativi di nuovi traguardi aziendali
  • UGC, i cosiddetti contenuti generati dagli utenti (che parlano ovviamente dei tuoi prodotti/servizi o della loro customer experience).

Leggi anche UCG e le Strategie di content marketing che funzionano anche da noi

Per quanto riguarda il profilo aziendale LinkedIn, invece, è buona norma averla sempre. LinkedIn è il social professionale per eccellenza. Scopri di più nel prossimo paragrafo.

Profilo LinkedIn aziendale: perché averlo comunque anche se sei su Facebook e Instagram

Puoi sfruttare LinkedIn per concentrarti sul miglioramento dell’immagine aziendale. Anche (o forse soprattutto) se sei un libero professionista o un freelance. Luca Bozzato, autore del libro “Come usare veramente LinkedIn“, ha messo a punto una piccola mini-guida alla pubblicazione su questo social. Ecco, quindi come puoi sfruttarlo per la tua attività, insieme al tuo media manager di fiducia.

  • Pubblica pochi contenuti istituzionali, non sono questi a generare engagement, interazioni e a farti fare network
  • Pubblica contenuti che riguardano persone che lavorano all’interno o con la tua azienda. Questo tipo di contenuti spinge le persone a interagire e a condividere, facendo network. Usa la funzione tag per menzionarle
  • Non pubblicare post auto celebrativi, soprattutto se lo fai in modo “asettico” e diretto, senza l’uso di preziosi testimonial come possono essere i tuoi dipendenti/collaboratori.

Leggi anche Social media editor: guida all’ingaggio perfetto

Anche per LinkedIn così come per Facebook e Instagram e gli altri social attivi, occorre generare un apposito piano editoriale, messo a punto in funzione degli obiettivi da raggiungere e che copra un periodo di tempo di circa 12 mesi. Anche 24 se è un’azienda di grandi dimensioni. Ingaggia subito un social media manager freelance che possa aiutarti nell’impresa. Deve saper leggere e interpretare le metriche dei social e i KPI (Key Performance Indicators) e mettere a punto il piano giusto per farti decollare anche su queste piattaforme. I risultati arriveranno!

Ti potrebbe interessare anche…

Marketing Funnels esempi che funzionano (e che puoi usare subito)

Se sei stato ingaggiato per creare un imbuto di marketing, ma sei a caccia di idee e suggerimenti, leggi qui! Non tutti i funnel sono uguali: ecco, tra i marketing funnels esempi che funzionano e che, ovviamente, puoi proporre subito ai tuoi clienti. Personalizzarli,...

3 Strumenti di marketing territoriale che funzionano

Se hai un'impresa attiva a livello locale, ecco un articolo che fa per te. In questo post, infatti, ti spiegheremo come usare 3 strumenti di marketing territoriale per fare decollare il territorio e con esso la tua impresa in locale. A cosa serve il marketing...

Come fare una presentazione PowerPoint efficace

Se stai cercando come fare una presentazione PowerPoint efficace e sai già come usare Power Point, leggi il nostro post. Ti spieghiamo tutti gli elementi che le tue slide devono avere per essere comprese facilmente e ricordate dalla tua audience. Pronto? Presentazione...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cos’è AddLance?

AddLance è un servizio gratuito che ti permette di trovare l’aiuto che cerchi. Hai bisogno di un logo, di un sito web, di testi, traduzioni, consulenze legali o altro? Su AddLance ottieni gratis i contatti dei migliori professionisti italiani.

Iscriviti alla Newsletter

Share This