Maternità Lavoratrici Autonome, il Congedo di Maternità è un Diritto

In questo articolo ti spiegheremo  come funziona il congedo di maternità per le lavoratrici autonome e ti forniremo delle linee guida per come richiedere l’indennità economica durante il periodo di tutela della maternità.

Cos’è il congedo di maternità per le lavoratrici iscritte alla gestione separata INPS?

Iniziamo subito a spiegare  che il congedo di maternità (art. 64 T.U. e relativi decreti ministeriali) è il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro, riconosciuto alla lavoratrice durante il periodo di gravidanza e puerperio. Durante il periodo di assenza obbligatoria dal lavoro, la lavoratrice ha diritto all’indennità economica in sostituzione del compenso.

È un periodo della durata di 5 mesi, che comprende i due mesi prima del parto e i primi tre mesi di vita del bambino.
Le libere professioniste iscritte alla gestione separata Inps non hanno l’obbligo di astensione dal lavoro, in seguito al nuovo Statuto del lavoro autonomo (il Jobs Act degli autonomi). (altro…)

Storie Freelance: “Lavorate Insieme, fare Sistema vi Renderà più Competitivi”

Freelancer Luca Bellè
Luca Bellè, professionista freelance

Intervista a Luca Bellèfreelancer che fa parte di un team di professionisti in ambito web. Un insieme di lavoratori  che si occupano di progettazione e realizzazione di soluzioni di web marketing; della realizzazione di portali web, di grafica e di piani marketing. Ma anche di siti vetrina, di landing page e di veri e propri e-commerce.

Quanto tempo ci ha messo per arrivare  dove è ora e cosa suggerirebbe ai nostri lettori che le hanno provate tutte e sono già stanchi e frustrati?

Lavoro nell’ambito dello sviluppo web da circa 10 anni, con diversi percorsi di formazione che vanno dal PHP in avanti. Ho collaborato con start up in ambito digital e da lì, poi, ho deciso di mettermi in proprio. Per avere la libertà sulle mie scelte lavorative e per poter applicare creatività ai miei progetti di lavoro. (altro…)

Nomadi Digitali: ovvero Lavorare Online

Nomadi digitali lavoro onlineIl progetto di comunicazione online di Nomadi Digitali è un faro per chi vuole migliorare la qualità del proprio lavoro e abbandonare la routine dell’ufficio. Abbiamo intervistato Alberto Mattei che con i suoi collaboratori gestisce il portale, ricco di strumenti e informazioni utilissime ai freelance.

Cosa significa essere Freelance per i Nomadi Digitali?

La priorità per un nomade digitale è quella di lavorare da remoto svincolandosi da quelli che sono i tradizionali orari e luoghi di lavoro. Il freelancing è una modalità di remote working che permette ad un professionista di lavorare a distanza in modo autonomo e indipendente. Si può lavorare per uno o più clienti contemporaneamente su progetti specifici e/o per un tempo determinato.

Vivere da Nomade Digitale non è solo vivere su un’isola deserta piena di palme, anche se è quello che la gente vuole sentirsi dire. Cos’è allora?

L’errore che spesso si commette è quello creare sillogismi tra il “nomadismo” e il “nomadismo digitale”. Il primo è una forma di esistenza sociale che implica spostamenti periodici per la sopravvivenza e/o la riproduzione del gruppo, il nomadismo digitale invece è la possibilità di sfruttare le tecnologie digitali per conquistarsi (non solo economicamente), la libertà di poter vivere e lavorare ovunque, di non doversi spostare per lavorare ma di poter lavorare spostandosi. Ognuno chiaramente seguendo le proprie motivazioni, ambizioni ed esigenze personali. (altro…)

Lavoro Freelance: Indagine 2016

Quanto si guadagna facendo il freelance in Italia?

Quanti sono gli anni di esperienza e l’età dei freelance?

Quali sono le regioni dove si concentrano i professionisti?

AddLance è il più grande marketplace per freelance italiani ed ha raccolto i dati che tracciano un quadro della libera professione creativa nel Bel Paese.

Sorprende la concentrazione di freelance nel Lazio così come il 6% dei professionisti che dichiara di guadagnare più di 50 € all’ora. Di certo a queste cifre si arriva gradualmente e lavorando sodo.

L’età del professionista si concentra nella maturità lavorativa cioè fra i 30 e i 40 anni. (altro…)