App Snapchat, quello che devi Sapere sul Social degli Adolescenti

31 Gen 2018 | Articoli su Marketing

app snapchatApp Snapchat? Oggi se ne parla sempre di più, come se fosse la novità del momento, l’app in più forte ascesa negli ultimi anni. Anche se in realtà, Snapchat, è nata nel 2011. Ben 7 anni fa Bobby Murphy e Evan Spiegel, a Los Angeles, crearono quest’applicazione di messaggistica istantanea per la condivisione di media sotto forma di immagini e video.

Particolarità innovativa di Snapchat era la possibilità di impostare un timer per i messaggi inviati, che consentiva di non lasciare alcuna traccia della chat. Si poteva impostare un temporizzatore da 1 a 10 secondi dal momento dell’apertura del messaggio. Alla scadenza del count-down, il messaggio si cancellava per sempre, senza possibilità di recuperarlo.

 

App Snapchat, un’applicazione di messaggi multimediali “sicuri”

Dopo solo 2 anni dalla nascita, il CEO di Facebook, Mark Zuckerberg (non certo l’ultimo arrivato), intuì le potenzialità di Snapchat ed offrì l’importante cifra di 10 miliardi di dollari per l’acquisto. L’offerta venne rifiutata dai fondatori. Nel 2016 è stato raggiunto il traguardo dei 10 miliardi di video visualizzati. Mica male.

E la funzionalità dei messaggi che si autodistruggono è ancora attiva, anche dopo l’evoluzione di Snapchat in un vero e proprio social network. Atipico certo, ma sempre social network. Infatti sul social del “fantasmino” non esiste una pagina personale, non c’è una bio, non ci sono like né condivisioni.

 

A cosa serve Snapchat: le stories e le lives

La forza di Snapchat sono le stories, come quelle che successivamente arrivarono anche nei prodotti di Zuckerberg, come Instagram, Facebook e WhatsApp. Si apre, si pubblica un video o una foto, si applicano o meno filtri e adesivi e si manda online. Gli amici possono vedere le stories e possono rispondere tramite messaggi privati. Tutto qui. Negli ultimi anni poi la app Snapchat ha continuato ad evolversi e a crescere. Nel 2016, tramite questa App è stata trasmessa live la Notte degli Oscar, per la prima volta online.

 

Teens, ecco l’identikit di chi utilizza questo social “atipico”

Ora, non posso sapere tu che stai leggendo quanti anni hai, ma sono certo che se ne hai già più di 25 anni (per stare larghi) e non lavori con i social, non ne hai mai sentito parlare. L’utente medio di Snapchat infatti ha un età compresa tra i 14 e i 20 anni. In questa fascia di età è il social più utilizzato, con più utenti attivi anche di due mostri come Facebook e Instagram. Snapchat, però, non ha sempre avuto una fama positiva, in particolare nei suoi primi anni di vita.

 

Controversa Snapchat: il sexting, la privacy, le polemiche

La possibilità di inviare immagini e video sexy ad altri utenti, che potevano visualizzarle per un massimo di 10 secondi prima dell’eliminazione definitiva, ha scatenato molte polemiche. In particolare negli USA. Termini come snapchat hot e snapchat gost mode sono più volte approdati alla ribalta delle cronache. E anche in Italia sono termini abbastanza ricercati in rete.

Molti giovanissimi infatti utilizzavano questa App per scambiare foto con il fidanzatino o con l’amico/a di turno, pratica meglio conosciuta come sexting. In un’epoca in cui si cerca di tutelare i minori da un’elevata esposizione online, evitando di pubblicare immagini inappropriate, arriva Snapchat che permette di farlo con la percezione di essere al sicuro da ritorsioni negative. Ma così non è.

Con gli smartphone ormai non è difficile fare screenshot e conservare per sempre quello che si vorrebbe distrutto. Pubblicarlo online e rovinare reputazioni e vite non è affatto difficile.

 

Piccola guida all’utilizzo di Snapchat

L’app Snapchat è gratis su App Store e Google Play, basta scaricarla e registrarsi. All’apertura è subito pronta all’uso, pronta a scattare e condividere momenti, foto o video. Con uno swipe a destra e sinistra ci si sposta nei messaggi privati, nella pagine per vedere le stories degli amici fino ad arrivare alla pagina Discover, dove i magazine internazionali pubblicano le loro stories.

Per aggiungere amici esistono 4 possibilità:

  • scegliendo tra i contatti in rubrica
  • attraverso il nome utente
  • tramite uno snapcode, una sorta di QR code personalizzato
  • tramite “aggiungi vicini”, cioè aggiungendo amici che si trovano nelle vicinanze e che fanno la stessa ricerca.

 

Utilizzare Snapchat per il marketing

In Italia sono ancora il pochi a farlo. Tra i primi la blogger Chiara Ferragni e il talent show XFactor. Infatti, inserire gli snap nella propria strategia di marketing potrebbe essere la mossa vincente, ma bisogna farlo con oculatezza. L’immediatezza del contenuto, la velocità di pubblicazione e l’attenzione degli utenti consentono a Snapchat di essere fruibile ovunque, sia per chi pubblica che per chi guarda. Pensa alla possibilità di raccontare un retroscena della tua attività con una storia pensata e realizzata al momento.

 

5  vantaggi di Snapchat per promuovere un’attività

  • Pubblico in target: chi ti segue è perché  vuole seguirti, è curioso di sapere tutto di te
  • Pubblico attento: al contrario di altri social, dove i contenuti rimangono a disposizione, su Snapchat i followers sono più attenti per non perdere nessun dettaglio
  • Pubblico esigente: sono per lo più giovanissimi, alla ricerca di contenuti nuovi e freschi, altrimenti si annoiano
  • Lenti sponsorizzate, o filtri personalizzati, per dare la possibilità di applicarli sulle foto
  • Geofiltri, un particolare filtro che localizza la persona. E se si utilizzasse nella tua attività?

 

Snapchat è in grande ascesa da qualche anno. Capire come utilizzarlo al meglio è molto semplice, a patto di perderci un po’ di tempo e “smanettarci” un po’.

Sei già scappato a scaricare l’app Snapchat?

 

Articolo scritto da Alessandro Piccione, Social Media Strategist

Ti potrebbe interessare anche…

4 Tool utili per un creare un ottimo media plan

4 Tool utili per un creare un ottimo media plan

Sei stato ingaggiato per approntare il media plan di una azienda o di una start-up? Sei tu il titolare e hai deciso di metterti all'opera e redigerne uno? Ecco 4 strumenti utili che dovresti conoscere e usare subito. Scopri tutti i dettagli in questo post. Media...

I 3 passi per scrivere correttamente un guest post

I 3 passi per scrivere correttamente un guest post

Se stai pensando di ospitare un guest post sul tuo sito o stai facendo tu attività di guest blogging, leggi questo articolo. Ti riassumiamo quali sono i 3 passi fondamentali per creare correttamente un guest post e trarre il massimo dei vantaggi da questa attività di...

SnapChat APP: non sottovalutare il  fantasmino

SnapChat APP: non sottovalutare il fantasmino

Conosci (e usi) solo i social network più famosi? Leggi qui, forse sottovaluti "il fantasmino": ecco infatti cosa dovresti sapere su SnapChat e SnapChat APP, un social definito "secondario" che non lo è affatto. Includilo pure nella tua strategia di digital marketing...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cos’è AddLance?

AddLance è un servizio gratuito che ti permette di trovare l’aiuto che cerchi. Hai bisogno di un logo, di un sito web, di testi, traduzioni, consulenze legali o altro? Su AddLance ottieni gratis i contatti dei migliori professionisti italiani.

Iscriviti alla Newsletter

Share This