Lavorare Senza Partita IVA: Guida Pratica per Lavoro Autonomo Occasionale

È davvero necessario aprire una Partita IVA per svolgere un’attività senza essere un lavoratore dipendente?

La risposta è no purché si rispetti la normativa italiana.

lavoro senza Partita IVASe sei un lavoratore dipendente che vuole intraprendere una seconda attività occasionale o sei un freelance alle prime armi che non vuole ancora aprire la P.IVA, non è necessaria l’iscrizione alla gestione separata INPS purché non superi i 5000€ di ricavi nell’arco dell’anno.

Ecco le uniche 4 cose da fare per iniziare a guadagnare e lavorare senza Partita IVA:

 

1. Informa il committente che non possiedi la P.IVA

Il committente sia privato che azienda deve sapere che la collaborazione non avviene con la classica P.IVA e potrebbe avere dei vincoli su questo.

 

2. Anche se non obbligatorio richiedi la firma di un contratto di collaborazione

Questo non costa niente e ti mette al riparo da incomprensioni e vincoli il committente a rispettare i patti.

Qui sotto trovi un esempio in pdf sia nel caso il committente sia un’azienda che un privato:

» Contratto Lavoro Occasionale Verso Imprese

» Contratto Lavoro Occasionale Verso Privati

 

3. A collaborazione conclusa invia una Ricevuta (che equivale ad una fattura) al tuo committente

così che potrà scaricare i costi e versarti i contributi tramite Ritenuta d’acconto al 20%. La ritenuta d’acconto va sottratta al lordo della tua prestazione e verà versata al fisco dal cliente a nome tuo.

Ecco un esempio di ricevuta sia verso azienda che privato:

» Ricevuta Prestazione Occasionale Verso Aziende

» Ricevuta Prestazione Occasionale Verso Privati

 

4. Dichiara i tuoi guadagni come “Redditi Diversi” nella dichiarazione dei redditi.

Puoi sottrarre in fase di dichiarazione i costi sostenuti per la tua attività occasionale. Ti ricordiamo che se non sei già iscritto all’INPS, appena superi i 5000€ annui devi richiedere l’iscrizione.

Se vuoi approfondire ecco la descrizione secondo il Codice Civile:

Secondo l’articolo 2222 del Codice Civile , si può definire lavoratore autonomo occasionale chi si obbliga a compiere , dietro corrispettivo, un’opera o un servizio con lavoro prevalentemente proprio, senza vincolo di subordinazione, nè potere di coordinamento del committente ed in via del tutto occasionale.

Il lavoro autonomo occasionale si distingue quindi per:

– la completa autonomia del lavoratore circa i tempi e le modalità di esecuzione.
– la mancanza del requisito di continuità
– il mancato inserimento funzionale del lavoratore nell’organizzazione aziendale.

Base imponibile

I primi 5.000,00 Euro annui costituiscono una soglia di esenzione dall’obbligo contributivo.
Per i redditi fiscalmente imponibili superiori a 5.000,00 Euro nell’anno solare , considerando la somma dei compensi corrisposti da tutti i committenti occasionali, l’art.44 c.2 del D.L. 269/03, convertito in L.326/03 , ha disposto l’iscrizione alla Gestione Separata INPS.

I redditi da lavoro autonomo occasionale sono fiscalmente classificati fra i redditi diversi , ai sensi dell’art.67, c.1 , lett.I del TUIR. L’art.71 c.2 del TUIR dispone che l’imponibile sia ricavato per differenza tra l’ammontare percepito nel periodo d’imposta e le spese specificatamente inerenti
alla loro produzione. Quindi l’imponibile previdenziale è costituito dal compenso lordo dedotte eventuali spese poste a carico del commettente e risultanti dalla fattura.

All’atto della della percezione del compenso deve essere applicata una ritenuta d’acconto del 20%
Il contratto di collaborazione autonoma occasionale viene formato solitamente come scambio di corrispondenza , senza obbligo di registrazione.

Ti potrebbe interessare anche…

Come inviare file pesanti, WeTransfer &CO.

Come inviare file pesanti, WeTransfer &CO.

Il lavoro di editing, il progetto di Interior Design, il tuo portfolio: sei pronto per l'invio dei file, ma hanno dimensioni pazzesche e non ci riesci! Non disperarti: leggi come inviare file pesanti, strumenti come WeTransfer ti aiutano, se segui le nostre dritte!...

Quando rivolgersi all’Avvocato del Lavoro

Quando rivolgersi all’Avvocato del Lavoro

Se hai problemi con i tuoi dipendenti/collaboratori, se hai controversie con il tuo datore di lavoro o semplicemente hai bisogno di una consulenza in ambito del diritto del lavoro, puoi rivolgerti ad un professionista specifico: l'avvocato del lavoro. Oltre che nelle...

Il Marketing digitale di successo in pochi (mirati) Step

Il Marketing digitale di successo in pochi (mirati) Step

Raluca Enache Raluca Enache, originaria della Romania, vive stabilmente in Italia dove svolge la sua attività freelance di esperto in marketing digitale. In modo molto schietto e sincero e senza tanti giri di parole, snocciola subito cosa sapere dell'online marketing...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cos’è AddLance?

AddLance è un servizio gratuito che ti permette di trovare l’aiuto che cerchi. Hai bisogno di un logo, di un sito web, di testi, traduzioni, consulenze legali o altro? Su AddLance ottieni gratis i contatti dei migliori professionisti italiani.

Iscriviti alla Newsletter

Share This