Mai sentito parlare di stampanti 3D?

Questo post parla di , scritto da il 17 March 2016 Nessun Commento
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 0 Flares ×

3d printer

Se volete realizzare degli oggetti “su misura” la stampa 3D è la soluzione che fa per voi.
Potrete essere contattati da un freelance esperto in questa tecnologia che conosce o che possiede un dispositivo di stampa 3D . In alternativa, se avete acquistato un apparecchio, potete farvi “addestrare” e ricevere consigli sull’utilizzo dello stesso.
La stampa 3D è l’ultimo ritrovato in fatto di stampa, nata nei primi anni 2000, trova oggi una sempre maggiore applicazione.
L’evoluzione applicata dalla stampa 3D consiste essenzialmente nel creare un oggetto tridimensionale, anziché una semplice immagine bidimensionale, mediante la sovrapposizione di più strati di materiale applicati mediante un braccio robotizzato che deposita lo strato del materiale scelto. La stampa 3D è quindi utile per creare modelli e prototipi.

Come si realizza una stampa 3D?

Il funzionamento ricorda in pratica quello di un plotter (la vecchia tecnologia per la stampa su grande formato) , con la differenza che la testina di stampa si muove non solo sul piano (assi X,Y), ma anche in altezza (assi X,Y,Z), e l’ ”inchiostro” utilizzato nella stampa 3D non è un semplice liquido coprente ma un liquido viscoso che indurisce a dare spessore allo strato che viene depositato.
Una volta scelto l’oggetto da riprodurre, si effettua innanzitutto una scansione 3D mediante scanner laser. Il file ottenuto contiene quindi tutte le informazioni che servono alla stampante. Si seleziona il materiale che viene quindi caricato sulla stampante, e si procede con la stampa.

Che materiali si usano?

Tipicamente i materiali utilizzati sono polimeri. Questi vengono fusi al momento dell’applicazione e solidificano per raffreddamento, oppure mediante una reazione chimica. Oltre al polimero “puro” si possono usare miscele con coloranti e altri materiali compositi.

Competitività della stampante 3D e fattori di successo.

La stampa 3D consente di ricreare gli oggetti più complessi con tecnologia digitale senza ricorrere a stampi come di solito si è fa per prodotti industriali. Dal punto di vista industriale, la stampa per iniezione di materiale plastico fuso consente un notevole risparmio per produzioni di migliaia di unità ma costi elevatissimi per produzioni di pezzi unici, di contro, l’enorme vantaggio economico della stampa 3D è evidente quando bisogna realizzare pezzi unici o con una geometria molto complicata.
Inoltre la stampa 3D consente di “materializzare” l’oggetto progettato in un luogo remoto, nel luogo in cui si trova la stampante 3D, utilizzando semplicemente la connessione internet, e quindi senza alcuna spedizione di componenti fisici.

Applicazioni possibili:

Sono le più disparate, per esempio componenti ortopedici modellati su misura per il paziente, prototipi industriali, modelli in scala, giochi, oggettistica per gadget etc.

Su AddLance puoi trovare anche esperti di stampanti 3D nella categoria ingegneria ed architettura: qui

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 0 Flares ×