Come Diventare Influencer: 5 Mosse per Costruire il tuo Marketing

25 Giu 2018 | Articoli su Marketing

Come diventare influencerQuella dell’influencer sembrerebbe la professione del XXI secolo, nata con la diffusione dei social in rete. In realtà pochi ricordano che questo ruolo è già esistito nei secoli precedenti: Lord Brummell, famoso dandy inglese amico di Re Giorgio; Lucullo, ideatore di mega-party nell’antica Roma; Gianni Agnelli, indimenticabile uomo di mondo dei tempi moderni, sono solo alcuni dei più famosi influencer dell’era pre-digitale e lo sono ancora. Se vuoi avventurarti in questo mondo con gli strumenti multimediali di oggi, devi studiare alcune mosse fondamentali: non bastano infatti le foto pubblicate su Istagram. Vuoi sapere come diventare influencer? Andiamo alla prima mossa.

#1 Come diventare influencer: decidi chi sei e fallo! Competenza, intraprendenza e un pizzico di originalità

Come diventare influencer

Cosa ha reso diversi i vecchi influencer di una volta come Brummell, Lucullo e Agnelli dal resto del mondo? Sicuramente le loro esperienze, portate al massimo livello in un preciso settore, ma in maniera diversa da altri. Non che fossero perfetti, ma la loro personalità applicata a quello che sapevano fare meglio li ha resi un modello, anche quando hanno commesso errori. E i loro ammiratori non li dimenticano a distanza di secoli. Gli influencer del nostro secolo lavorano con la Rete: se decidi di appartenere a questa esclusiva famiglia scegli un’attività o un interesse preciso che ti contraddistingua ed esercitalo con originalità. Col passar del tempo assumerai un ruolo guida all’interno della community, diventando un punto di riferimento preciso, nel bene e nel male. Come dice Valentina Siragusa, Web Influencer che lavora per i brand più famosi: «Il segreto è trasmettere senza tanti artefatti chi si è». Competenza e intraprendenza quindi sono la base per diventare un buon influencer.

 

#2 Come diventare influencer: non limitarti agli spazi social virtuali. Devi esistere davvero per gli altri

Se Lord Brummell coltivava centinaia di amicizie in ogni posto e Lucullo organizzava pranzi e cene indimenticabili con decine di invitati, questo deve suggerirti una mossa fondamentale: per essere un vero influencer non devi limitarti a frequentare spazi social virtuali ma socializzare di persona con la gente, all’interno di eventi. Si tratta di entrare in contatto anche e soprattutto col mondo reale, partecipando ad incontri collettivi visibili, come sfilate di beneficenza, meeting e raduni per salvare la natura. Mega-concerti, sfide culinarie e gastronomiche, Saloni del libro, Fiere come ad esempio la Design week di Milano o concerti epocali. L’importante è che il contesto abbia a che fare con quello che hai scelto di essere: no al presenzialismo senza senso, alle comparsate in tv o in discoteca. Sì al contatto con la realtà raccontata, alla socializzazione motivata e soprattutto affollata. Per quanto riguarda i social, non essere azzardato con i post pubblicati nei gruppi virtuali a cui appartieni: spesso hanno regolamenti ferrei e forzando rischi solo di venirne escluso. Via libera invece alle tue impressioni nel tuo blog personale, purché assolutamente ancorate alla realtà.

 

#3 Come diventare influencer: coltiva l’amicizia sui social attivamente

Come diventare influencer

La mossa numero 2 ci porta subito a quella numero 3: interagisci sui social parlando con i tuoi follower. Dopo ogni tua partecipazione esterna posta il tuo messaggio o racconta tutto sul blog e coinvolgi in una conversazione le persone che ti seguono, raccogli le loro impressioni, sviluppa empatia. Ma attenzione: no a pettegolezzi, polemiche e chiacchiere “da web”. Sii originale nelle tue argomentazioni, cercando di non seguire la massa e di anticipare futuri atteggiamenti. È il banco di prova più importante per un aspirante influencer. La conversazione predilige Facebook: ciò non esclude Istagram dal gioco e puoi sviluppare in parallelo i due profili social postando argomenti più complessi sul primo e immagini ad effetto sul secondo. Se rappresenti un brand, Facebook ti darà anche modo di segnalare eventi che lo riguardano.

 

#4 Scegli il tipo di brand su cui puntare, oggi le aziende sono a caccia di testimonial

Qualità o quantità? È una domanda che l’influencer si deve fare per decidere le sue strategie di marketing e guadagnare bene. Esistono brand che vendono prodotti indirizzati a utenti di nicchia, altri che si rivolgono alla massa. Alcuni mirano ad un mercato formato da adolescenti, altri al mondo degli amanti degli animali o ai consumatori di età avanzata… Gestisci la tua comunicazione in base all’obiettivo più giusto per te, ma attenzione: mai postare foto o comunicati smaccatamente commerciali. Le nuove regole di Facebook si sono rivelate molto vantaggiose in tal senso per gli influencer: dal gennaio 2018 il nuovo algoritmo ha fortemente penalizzato il traffico delle pagine delle aziende e la motivazione espressa da Mark Zuckerberg è legata ad una maggiore felicità dell’utente.

In altre parole, il popolo dei social è stufo di proposte commerciali aggressive: dunque i brand ricorrono sempre più spesso a un testimonial per agganciare clienti, influenzare le scelte di acquisto e le politiche decisionali dei follower. Scegli un’azienda e proponiti al suo social media manager: sarà felice di investire i soldi che spendeva con i post a pagamento su Facebook in questa nuova forma di marketing di grande tendenza.

 

#5 Esprimiti in bellezza, sempre

Come diventare influencer

Ultimo consiglio: non trascurare la bellezza di ciò che comunichi, sia scritta che in foto. Studia attentamente ciò che pubblichi, produci belle immagini, se è possibile scegliendo tra più scatti, impara a fotografare e a scrivere pezzi efficaci di impatto. I follower sono sensibili alle cose fatte bene e i brand non tarderanno ad accorgersi delle tue potenzialità. A quel punto i tuoi sforzi porebbero essere premiati con buoni guadagni. Se non ti senti ancora sicuro della tua comunicazione chiedi aiuto a fotografi ed editor freelancer che possano supportarti fino a quando non diventerai più bravo. Comincia ora a scegliere quello adatto a te su AddLance!

Ti potrebbe interessare anche…

Retargeting significato e 3 strategie d’uso (economiche)

Retargeting significato e 3 strategie d’uso (economiche)

Se stai cercando sul web il termine "retargeting significato", prima leggi qui. Con questo termine si intende una forma di pubblicità estremamente mirata. E' rivolta ad un target di consumatori specifico e veicolata in base al comportamento mostrato precedentemente...

Postare su Facebook &Co: 3 dritte e gli orari migliori

Postare su Facebook &Co: 3 dritte e gli orari migliori

Devi postare su Facebook e sugli altri social aziendali? Ecco qualcosa che potrebbe interessarti: qualche dritta e l'orario migliore per farlo, ottenendo il massimo beneficio di ritorno. Sia in termini di engagement che di traffico organico diretto verso il tuo sito...

Packaging significato e uso: micro-guida per imprenditori

Packaging significato e uso: micro-guida per imprenditori

Se stai cercando su Google la stringa "packaging significato" è perché, probabilmente, devi decidere in merito per confezionare i tuoi prodotti prima di lanciarli sul mercato. Oppure perché hai in mente un restyle aziendale che includa anche l'identità visiva. Abbiamo...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cos’è AddLance?

AddLance è un servizio gratuito che ti permette di trovare l’aiuto che cerchi. Hai bisogno di un logo, di un sito web, di testi, traduzioni, consulenze legali o altro? Su AddLance ottieni gratis i contatti dei migliori professionisti italiani.

Iscriviti alla Newsletter

Share This