Flyer Traduzione e Uso: 4 Cose da sapere

Flyer Traduzione e Uso: 4 Cose da sapere

flyer traduzione

I flyer cosa sono? Se ti sei posto questa domanda, evidentemente vuoi scoprire di più su questo mezzo (sempre al passo con i tempi) per fare pubblicità sulla tua attività. Ecco cosa c’è da sapere su flyer traduzione e uso in questa piccola guida pensata apposta per chi, come te, è ancora indeciso se scegliere questo mezzo di promozione.

Flyer traduzione: cosa significa realmente?

Google Translator traduce il termine flyer letteralmente con la parola volantino. E tale può essere considerato in via generale. Tuttavia, tra flyer e volantino esiste una differenza sostanziale: il tipo di contenuto veicolato. Mentre il volantino può contenere informazioni di tipo culturale o sociale e può essere impiegato (lo è stato in passato) anche per scopi politici o propagandistici, il flyer contiene prettamente offerte commerciali con una grafica accattivante e un testo persuasivo che incuriosisce il lettore.

Stai facendo un’offerta limitata nel tempo su alcuni tuoi prodotti o servizi? Ti serve un flyer per farla conoscere ai tuoi clienti. Stai inaugurando un nuovo locale? Ti serve sempre un flyer. Quindi, quando ingaggerai il grafico freelance prescelto, dovrai commissionargli un flyer in tutti i casi sopra citati. Il volantino ti serve ad altri scopi. Flyer traduzione e uso: sei pronto a scoprire (ancora) di più?

Leggi anche Differenza tra flyer, volantino e brochure

Flyer significato: 4 cose da sapere

Devi sapere che il flyer è uno stampato in formato A5 che deve essere progettato inserendo in modo armonico 3 elementi:

  • La grafica (no a troppi colori o font diversi tra loro perché generano confusione)
  • L’immagine (che deve assolutamente essere di qualità e non sgranata)
  • Il testo (titolo + contenuto + call to action finale)

Combinando in modo professionale questi elementi verrà fuori il tuo flyer che stamperai e consegnerai ai passanti o ai visitatori in modo che possano conoscere la tua offerta. Per non sbagliare, quando ragioni con il tuo grafico sulla progettazione del tuo flyer, ecco quello che anche tu devi sapere al riguardo.

1) Il testo

La parte testuale del tuo flyer deve essere accattivante e deve incuriosire il lettore. Il tone of voice deve essere in linea con il target che vuoi raggiungere. Tieni presente che spesso l’utente viene in possesso di un flyer in modo del tutto casuale, camminando per strada o entrando nel tuo negozio o nella tua attività professionale. La parte testuale si compone di un titolo (che deve essere il più breve e incisivo possibile), di una parte discorsiva vera e propria e di una call-to-action finale. E’ un errore non inserire la chiamata all’azione finale, perché così il flyer perde il suo significato e soprattutto il suo scopo. Ricorda che il testo di un flyer non può dirsi completo fino a quando non avrai inserito anche le indicazioni stradali (se previste per raggiungere il luogo dell’offerta) e le tue informazioni di contatto. Infine, non dimenticare il tuo logo e il nome del brand.

2) L’immagine

Esistono flyer senza immagine, ma spesso – come sai – un’immagine vale più di mille parole. Siamo nel campo del marketing, o no? Dunque, scegli insieme al tuo progettista un’immagine chiara e rappresentativa di quello che stai proponendo sul tuo flyer. Attenzione però alla qualità: inserire e poi stampare immagini di bassa qualità ti porterà solo “cattiva pubblicità”. Il trucco? Ingrandire l’immagine che hai scelto fino a 300x. Se non perde, se non si sgrana, puoi usarla ed essere sicuro dell’effetto una volta stampata su carta. Meglio non eccedere con le immagini per non creare confusione nel lettore. Ricorda che hai a disposizione pochi secondi, tra l’altro spesso non esclusivi, per conquistare l’attenzione del lettore. Perché non esclusivi? Perché in quella manciata di secondi l’utente può essere impegnato a camminare, a parlare o al telefono.

3) Le dimensioni e la grammatura

Alcuni esperti di marketing sostengono che anche le dimensioni di un flyer stampato sono importanti. Abbiamo detto che lo standard è un formato A5, ma nessuno ti vieta di “sforare”. A7, A6, persino A4: puoi stampare nel formato che desideri. L’importante è che il messaggio risulti incisivo, rapido, chiaro e che la grafica sia accattivante senza essere confusionaria. Naturalmente, un capitolo a parte riveste la qualità e la grammatura della carta usata per la stampa. Scegli una carta mediamente o molto resistente (da 130 a 170 gr/mq): deve sopportare il passamano, l’umidità, la piegatura, senza far perdere il tuo messaggio. Inoltre, se aggiungi dei rivestimenti opzionali (in fase di stampa) puoi proteggere ulteriormente il flyer: rivestimenti opachi o lucidi aggiungono uno strato di protezione ulteriore alla carta e rendono il design più vivido.

4) I vantaggi

Fin qui abbiamo parlato di flyer traduzione uso e composizione. Sullo scopo del flyer abbiamo detto che, naturalmente, serve a far conoscere la tua attività e le offerte connesse ai consumatori (in target). Vuoi conoscere gli altri vantaggi di usare il flyer come strumento di marketing? Bene, eccoli qui e non sono da poco, soprattutto se sei un libero professionista o se hai una piccola attività commerciale.

  • Rispetto a molti altri strumenti di marketing, i flyer sono la soluzione migliore se hai un budget minimo
  • Permettono la diffusione su larga scala per far conoscere in modo ampio la tua attività
  • Coinvolgono facilmente il lettore (se ben fatti) perché sono materiali pubblicitari tangibili (e non virtuali). Nessuno ti vieta di sperimentare nuove forme e nuove dimensioni per interagire di più con il tuo target.

Adesso, insomma, non ti resta che dar spazio alla tua creatività, scegliere un buon grafico che ti supporti e il servizio stampa migliore per avere i tuoi flyer pronti all’uso.

Ti potrebbe interessare anche…

direct mail: un altro efficace canale per acquisizione e fidelizzazione

direct mail: un altro efficace canale per acquisizione e fidelizzazione

Alzi il volume dei tuoi affari? Sintonizzati sulla direct mail: un altro canale efficace per acquisizione e fidelizzazione di nuovi clienti  direct mail: cos'è e quali strumenti utilizza principalmente Hai bisogno di aumentare il volume degli affari con nuovi clienti;...

marketing diretto: definizione, tools e best practice

marketing diretto: definizione, tools e best practice

Sai parlare col tuo pubblico? Ecco come puoi farlo col marketing diretto: definizione, tools e best practice che ti mettono in comunicazione con i clienti marketing diretto: cos’é e quali sono i i caratteri distintivi rispetto ad altre forme di marketing Vuoi ottenere...

Internet marketing: canali, strategie e metriche a confronto

Internet marketing: canali, strategie e metriche a confronto

L'Internet marketing rappresenta un insieme trasversale di strategie e strumenti digitali che consentono di raggiungere molteplici obiettivi promozionali in rete. Questa particolare forma di comunicazione online può infatti essere impiegata per incrementare il...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cos’è AddLance?

AddLance è un servizio gratuito che ti permette di trovare l’aiuto che cerchi. Hai bisogno di un logo, di un sito web, di testi, traduzioni, consulenze legali o altro? Su AddLance ottieni gratis i contatti dei migliori professionisti italiani.

Iscriviti alla Newsletter

Share This