Giornalisti Freelance: i 6 Strumenti online che ti aiutano a fare (meglio) il Reporter

21 Dic 2018 | Articoli su Scrittura

 

giornalisti freelance

Fai parte di quei giornalisti freelance (e non solo freelance) che ancora non conoscono gli strumenti online che aiutano a far bene il mestiere? Allora, leggi qui. Esistono da diversi anni (e ne spuntano sempre di nuovi) dei tool online messi a disposizione gratuitamente da Google e/o a pagamento da terze parti, che danno al giornalista una grande mano di aiuto.

La check list che stiamo per proporti è il “riassunto”delle conoscenze di due colleghi, che questi strumenti li insegnano ad utilizzare. Si tratta della giornalista Barbara Sgarzi, docente del Google News Lab, intervenuta al Glocal Festival di Varese dedicato al giornalismo digitale (novembre2018). E del giornalista torinese Alberto Puliafito che per l’Ordine dei Giornalisti ha tenuto (sempre nel 2018) un corso di strumenti di contrasto alle Fake News, nell’ambito della formazione professionale continua. Pronti allora per scoprire quali sono?

Giornalisti freelance, la (potente) suite di Google che dà realmente una mano a costo zero

La suite di Google dà una grande mano d’aiuto ai colleghi reporter, siano essi impiegati di redazione o veri e propri giornalisti freelance. I tool che in maniera gratuita mette a disposizione, riguardano soprattutto il difficile compito di verifica delle fonti e della notizia, uno dei doveri deontologici della professione. E offrono aiuto anche nella lotta alle false notizie.

  • Google Maps
google maps

Forse non lo sapevi, ma le mappe di Google non servono solo ad orientarsi per trovare il nuovo dentista o il locale di tendenza per l’aperitivo. Le mappe di Google permettono, del tutto gratuitamente, di accedere ad un archivio che contiene le immagini di un determinato luogo, scattate anno dopo anno. Per i giornalisti si tratta di uno strumento utile di verifica, per vedere da vicino (senza recarvisi) le trasformazioni nel tempo di questi luoghi e valutare la veridicità o meno di una fonte, di una notizia che li riguarda.

  • Google Street View
google street view

Un ufficio stampa o un profilo social (verificato) di un personaggio pubblico lancia in rete una foto con una notizia? Puoi scoprire se sia autentica, sfruttando Google Street View. Anche in questo caso, in modo del tutto gratuito. Con questo strumento e un po’ di pazienza potrai verificare l’attendibilità delle foto in rete (o di quella foto notizia che ti hanno appena inoltrato).

  • Il motore di ricerca Google

Puoi cercare qualunque cosa e non solo. Usando degli operatori booleani, puoi scandagliare davvero ogni angolo del web, ad esempio se stai seguendo una pista investigativa. Ad esempio, se vuoi sapere cosa si dice in giro di una persona, su Google puoi digitare la stringa “nome+cognome è” e il motore di ricerca ti restituirà tutti i documenti contenenti la frase che hai cercato, molti dei quali saranno articoli di giornali digitali (ma non solo). Non ti accontenti e vuoi cercare direttamente tra i documenti? Digita, ad esempio, la stringa guida seo ext:pdf e il motore di ricerca ti restituirà tutte le guide seo in formato PDF. Infine, vuoi verificare una frase esatta? Mettila tra virgolette e premi invio. Il motore di ricerca ti restituirà, se esiste, esattamente quel contenuto. Il motore di ricerca di Google, dunque, può essere inteso dai giornalisti freelance (e non) come il più grande archivio digitale del mondo. Tuttavia, una URL potrebbe darti il famoso errore404 (page not found). Cosa puoi fare in questo caso?

Leggi anche Come fare un comunicato stampa

Giornalisti freelance, non finisce tutto con Google. Ecco gli altri tool di cui potresti presto avere bisogno

  • Archive.org
archive.org

E’ uno strumento (no profit) che mantiene nel tempo anche i documenti che su Google non esistono più. Ed è quindi estremamente utile per seguire determinate piste “scomode” che possono avere portato gli interessati (magari coinvolti in uno scandalo) a rimuovere documenti e URL da Google stesso. Si tratta, sostanzialmente, di un grande archivio (messo a punto nel lontano 1996 a San Francisco) che ad oggi ospita diversi miliardi di pagine web. La potenzialità di Archive.org sta nel fatto di restituire esattamente la pagina così come si presentava quando era stata salvata, anche diversi anni prima.

  • Investigative Dashboard
investigative dashboard

Già che siamo entrati in ambito investigativo, parliamo di questo strumento, che è molto utile nel caso tu debba svolgere delle ricerche internazionali. Si tratta di un database gratuito che aiuta i giornalisti freelance (e non) a rintracciare persone, aziende e risorse in tutto il mondo.

  • StorySpheres
story spheres

L’ultimo, ma non per questo meno importante, strumento che citiamo è Story Spheres. Si tratta di un tool utile per inserire dei clip audio alle foto e lanciare sul proprio giornale un vero e proprio storytelling innovativo.Posizionando l’audio all’interno di una scena (parliamo di immagini a 360°), si possono facilitare le esperienze interattive. Il suo funzionamento è semplice:dopo aver caricato la foto sferica, puoi agganciare l’audio (già preparato o pre montato) e poi inglobare attraverso una riga di codice la foto modificata sul tuo sito di notizie. Così da creare interazione con la tua audience.

Leggi anche Cos’è lo Storytelling veramente?

Giornalisti freelance, non è “tutto qui”. Per approfondire e aggiornarsi c’è sempre Google News Lab

google news lab

Anche se è diverso tempo che esiste, GoogleNews Initiative non è conosciuto da tutti i giornalisti. Si tratta di un’iniziativa di Google per favorire e supportare il giornalismo nell’era digitale. Attraverso la creazione di partnership, prodotti e programmi, Google aiuta il mondo dell’informazione a muoversi, appunto, in questa “nuova” dimensione digitale. Di particolare interesse, poi, il training center, con corsi ad hoc per familiarizzare con gli strumenti Google per il giornalismo. Molto utile, certo, a patto di masticare un po’ di buon inglese. Vuoi saperne di più? Ecco la pagina – vetrina in italiano: GoogleNews Lab.

Ti potrebbe interessare anche…

Blog aziendale? Attenzione ai contenuti che non rendono

Blog aziendale? Attenzione ai contenuti che non rendono

Se ti occupi di content marketing o sei alle prese con il content editing di un blog aziendale, fai molta attenzione ai contenuti che non rendono. Eh già, perché anche un "occhio al passato" è importante quanto pubblicare post nuovi e perfettamente ottimizzati. Può...

Posizionamento Google: il Passage Ranking in 5 punti

Posizionamento Google: il Passage Ranking in 5 punti

Se stai lavorando sul posizionamento Google dei tuoi contenuti digitali, leggi con attenzione: forse questo articolo dedicato al Passage Ranking e, più in generale al site ranking, può contenere informazioni molto utili per la tua strategia di content creation. Ecco...

Mail marketing, creare email che vendono

Mail marketing, creare email che vendono

L'email marketing è un modo piuttosto economico e ad alto impatto per recapitare ai tuoi clienti e potenziali clienti il tuo messaggio. Uno degli obiettivi dell'email marketing è proprio quello di creare email che vendono. Per fare questo hai bisogno di un...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cos’è AddLance?

AddLance è un servizio gratuito che ti permette di trovare l’aiuto che cerchi. Hai bisogno di un logo, di un sito web, di testi, traduzioni, consulenze legali o altro? Su AddLance ottieni gratis i contatti dei migliori professionisti italiani.

Iscriviti alla Newsletter

Share This