Come lavorare da Casa se si hanno Figli piccoli: 5 Consigli per organizzare un Baby Parking

lavorare da casa baby parkingCerchi idee su come lavorare da casa? Puoi creare un baby parking! Le mamme sanno bene che, con la chiusura delle scuole d’infanzia per la pausa estiva, giunge il momento di trovare una sistemazione ai bambini, pronti a trasformarsi in piccole belve irrequiete quando si annoiano, bisognosi di controllo e di cure. La famiglia media italiana, soprattutto al sud, in questi casi usufruisce della disponibilità dei nonni, i quali spesso e volentieri amano sostituirsi a maestre e genitori stabilendo regole e abitudini molto invitanti per i nipotini. Ma che succede se si è sprovvisti del soccorso dei nonni? Dove e con chi lasciare i pargoli abituati allo stimolo e alle cure ricevute all’asilo? Cerchiamo di dare una mano e, perché no? un’idea, a chi ama il mondo dell’infanzia.

baby parking arredo casa

Scopri le esigenze dei genitori nel tuo condominio

Lavorare da casa con il servizio baby parking: ecco in cosa consiste

Sei maggiorenne, hai studiato o studi ancora materie pedagogiche o psicologiche, hai un salotto spazioso in casa, molto tempo libero… magari anche un tuo bambino? Hai le competenze giuste per organizzare un baby parking condominiale. Il baby parking è uno spazio di intrattenimento, accudimento e cura riservato ai piccoli di età compresa tra uno e cinque anni, strettamente connesso a un arco di tempo flessibile. La mamma o il papà che hanno bisogno di “parcheggiare” il bambino per impegni, non potendo lasciarlo alla scuola materna o in ludoteca per una questione di orari non conciliabili, possono avvalersi del baby parking situato nel condominio in cui abitano, per un’ora o per tre o per dieci, avendo come comodo punto di riferimento uno spazio casalingo dotato di tutti i comfort per i bambini e di un’assistenza mirata. Il baby parking condominiale infatti, non stabilisce ferrei orari di entrata e di uscita dei piccoli e garantisce vicinanza alle loro case, per cui risulta facile ai genitori lasciarlo e riprenderlo. Se hai intenzione di gestire un baby parking nel tuo salotto di casa ti saranno utili cinque consigli indispensabili per iniziare.

Per allestire un baby parking nel salotto di casa segui questi 5 consigli

lavorare da casa baby parkingEcco alcuni facili consigli da seguire se ti accingi a scoprire il fantastico mondo del baby parking in casa:

1.Indaga sulla presenza di bambini nel tuo condominio o quartiere: la prima mossa consiste proprio nel capire il bisogno delle famiglie che abitano intorno a te, per poter offrire un servizio utile. Comincia quindi ad indagare, nel tuo condominio o nella strada in cui abiti, su quante famiglie composte da genitori che lavorano hanno bambini in età da asilo che normalmente passano la loro giornata alla scuola d’infanzia. Non te ne occorrono tanti e soprattutto non spingerti troppo lontano nella ricerca: il requisito vincente del tuo baby parking è la vicinanza alle loro abitazioni.

2.Quali e quanti bambini prendere nel baby parking: fissa un target preciso, per esempio non più di quattro di età compresa fra i tre e i cinque anni, oppure due di un anno. Il motivo è semplice: se i bambini hanno un’età non troppo diversa tra loro è più facile gestirli con giochi, preferenze ed esigenze comuni. Inoltre potrai calibrare meglio il grado del tuo impegno: più è grande il bambino e più è autonomo in alcune cose, come mangiare o andare in bagno, mentre i più piccoli richiedono maggiore attenzione per il cambio pannolini e la pappa. Ricorda che la mission principale dell’attività è fare in modo di non trascurare nessuno dei tuoi piccoli ospiti, qualsiasi cosa stiano facendo.

3.Come organizzare lo spazio in casa per i tuoi baby: una volta stabilito il massimo di bambini da ospitare, passa alla valutazione dei tuoi spazi: un salotto semi vuoto, senza spigoli pericolosi e oggetti fragili, un bagno pulitissimo con attrezzature e prodotti facilmente accessibili ai piccoli, una cucina poco distante dal salotto, sono gli spazi giusti per cominciare. Anche gli arredi sono importanti: un tavolo per disegnare, mangiare la pappa, fare un gioco tutti insieme. Un divano per sedersi a leggere, ascoltare una favola, schiacciare un pisolino, guardare un cartone animato. Un tappeto per spargere i giocattoli, fare ginnastica, ballare, recitare. Da evitare lo sconfinamento in altri spazi della casa, compresa la cucina: si rischia di perdere il controllo dei piccoli e di creare uno stato di confusione che stresserà te e i bambini, rendendo molto più faticose le ore da passare insieme. Un buon arredatore saprà scegliere gli arredi più robusti, igienici e sicuri adatti alle attività dei bambini, indicarti i metodi per eliminare i pericoli in casa e organizzare gli spazi in modo da non perderne neanche uno di vista. Quest’aspetto della tua professionalità sarà molto apprezzato dai genitori: dunque è importante per ottenere la loro fiducia.

Leggi anche Idee per arredare una casa piccola

4. Stabilire concessioni e divieti: In generale i piccoli non sono felici di essere lasciati in un baby parking se amano andare a zonzo con i genitori. Vincere le loro resistenze ti farà guadagnare stima e fiducia, ma attenzione alle concessioni: rischi soltanto di innescare capricci e tensioni nel futuro. Evita quindi di farli frugare nei tuoi cassetti, lasciarli per ore con un videogioco, portarli a fare una passeggiata non autorizzata. L’ideale è informarsi sulle attività praticate alla scuola d’infanzia e replicarle con più elasticità. I bambini e i genitori si sentiranno più sicuri e tu non rischierai di rompere equilibri faticosamente conquistati.

5. Affetto, praticità e disponibilità: questi sono i tre atteggiamenti vincenti per gestire un baby parking di successo: la cura dei bambini che ti vengono affidati verrà sempre al primo posto, ma davanti alle difficoltà occorrerà essere soprattutto pratici e la disponibilità verso gli orari dei  genitori, dopo un po’ di tempo, ti renderà indispensabile ai loro occhi.

Ti piace l’idea di un baby parking nel salotto di casa? Comincia ora!

Se sai di avere i requisiti giusti sei pronto per questa attività. Ti raccomandiamo di verificare che lo siano anche i tuoi spazi in casa, organizzandoli con un arredatore competente: i tuoi bambini ti stanno aspettando!

Ti potrebbe interessare anche…

VoWifi: cos’è e come usarlo in azienda

VoWifi: cos’è e come usarlo in azienda

La tua attività si basa sulla comunicazione, il budget aziendale per le chiamate è mostruoso e devi abbatterlo? La soluzione c'è! Scopri il VoWiFi: cos'è e come usarlo in azienda per ottenere degli ottimi risparmi. Voice over WiFi, ecco perché ti serve davvero Hai...

Dalla grafica al fotorealismo: ray tracing e futuro dei videogiochi

Dalla grafica al fotorealismo: ray tracing e futuro dei videogiochi

Il video design ha fatto passi da gigante ma tu ti senti indietro anni-Luce. Scopri subito il passaggio dalla grafica al fotorealismo! Il ray tracing e il futuro dei videogiochi, tra tecnologie avanzate e costi. Ray tracing, 3 cose importanti che devi sapere...

App per inviare file pesanti via mobile

App per inviare file pesanti via mobile

Hai bisogno di inviare file pesanti ma hai a disposizione solo un tablet o uno smartphone? Non disperarti, si può fare lo stesso! Scopri le app programmate appositamente per inviare documenti di grandi dimensioni senza il computer. 4 App per inviare file pesanti...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cos’è AddLance?

AddLance è un servizio gratuito che ti permette di trovare l’aiuto che cerchi. Hai bisogno di un logo, di un sito web, di testi, traduzioni, consulenze legali o altro? Su AddLance ottieni gratis i contatti dei migliori professionisti italiani.

Iscriviti alla Newsletter

Share This