Modelli Intrastat 2018, Novità fiscali sugli Scambi con l’Estero

modelli intrastat novità 2018Ormai qualsiasi tipo di attività può prevede scambi con l’estero grazie alla velocità di comunicazione tra i diversi Paesi e alla crescente facilità di muovere i fattori produttivi (quello che comunemente chiamiamo globalizzazione). Il Governo Italiano a partire dal 1 gennaio 2018 ha deciso di facilitare tutti quegli adempimenti relativi agli scambi intracomunitari, anche attraverso i Modelli Intrastat 2018 che, rispetto allo scorso anni, hanno subito delle variazioni.

Chiariamo subito cosa si intende per Modelli Intrastat

È un insieme di procedure e attività fiscali atte a consentire il monitoraggio da parte dell’Agenzia delle Dogane e dell’Agenzia delle Entrate di tutte le operazioni commerciali di scambio intrattenute tra i soggetti  intracomunitari, onde evitare eventuali comportamenti di sommerso, frodi carosello, riciclaggio messe in atto dagli operatori commerciali in ambito intracomunitario e con Paesi extra Ue appartenenti al c.d. Elenco Paesi Black List. Il decreto legge n. 244/2016 ha ridotto l’obbligo di invio degli elenchi riepilogativi Intrastat e tra le prime misure di semplificazione vi è l’abolizione degli Intra trimestrali.

Gli elenchi Intrastat 2018 riguardano:

  • modello INTRA 2bis relativo agli acquisti di beni
  • modello INTRA 2quater relativo agli acquisti di servizi
  • modello INTRA 1bis relativo alle cessioni di beni
  • modello INTRA 1quater relativo ai servizi resi.

Ti ricordiamo che i nuovi modelli Intrastat 2018 sono scaricabili gratis dal sito dell’Agenzia delle Dogane.

 

Quali sono le novità Intrastat del 2018?

Tra le novità, oltre ad essere stati aboliti i modelli Intra trimestrali per gli acquisti di beni e servizi, si sono registrati:

  • l’aumento della soglia delle operazioni che determina l’obbligo Intrastat. Infatti, per gli acquisti di beni la soglia va dai 50mila a 200mila euro trimestrali e per gli acquisti di servizi la soglia va dai 50mila a 100mila euro trimestrali. Niente cambia per i modelli INTRA cessioni di beni e di servizi: la soglia resta a 50mila euro
  • L’aumento della soglia statistica degli elenchi di cessioni di beni. La compilazione è opzionale e la soglia è sotto i 100mila euro di operazioni trimestrali
  • Semplificazione della compilazione del campo “Codice Servizio”, ove presente. Si passa, infatti, dal Cpa a 6 cifre al Cpa a 5 cifre, con una riduzione di quasi il 50% dei codici da selezionare.

Le misure di semplificazione adottate con il provvedimento in esame si applicano agli elenchi riepilogativi aventi periodi di riferimento decorrenti dal mese di gennaio 2018.

Chi sono i soggetti  obbligati alla presentazione dei Modelli Intrastat 2018?

I soggetti obbligati alla presentazione e alla compilazione degli Elenchi Intrastat 2018 sono soggetti con partita Iva comunitaria, operanti all’interno della Comunità Europea, che effettuano operazioni intracomunitarie, con oggetto l’acquisto e/o cessioni di beni e servizi o prestazioni di servizio. Per adempiere a tale scadenza fiscale puoi compilare il Modello e inviarlo online  mediante:

  • Agenzia Doganale utilizzando il servizio telematico doganale e i Programmi e software per la compilazione, il controllo formale e l’invio telematico degli elenchi riepilogativi degli scambi intracomunitari di beni e servizi
  • Agenzia Entrate ENTRATEL, previa registrazione ai servizi telematici dell’Agenzia che consentono di inviare online le dichiarazioni Intra attraverso internet con le modalità previste nell’allegato XII della Determinazione n. 22778 del 22 febbraio 2010

Quali sono le sanzioni per il mancato adempimento dei Modelli Intrastat?

Per le violazioni di natura statistica degli elenchi Intra, si fa riferimento alle disposizioni contenute negli articoli 7 e 11 del D.Lgs. 322/1989 ma con una novità introdotta dal D.Lgs. 175/2014, ossia, la limitazione dell’applicabilità delle sanzioni amministrative alle sole imprese che, incluse nello specifico elenco pubblicato dall’Istat, realizzano scambi commerciali con i paesi UE con volumi mensili pari o superiori ad € 750.000 (D.P.R. 19 luglio 2013).
Le sanzioni INTRASTAT 2018 di natura statistica, sono:

  • da 206 a € 2.065 per le persone fisiche
  • da 516 a 5.164 € per enti e società

Tali sanzioni, possono essere applicate una sola volta per ogni elenco INTRASTAT mensile inesatto o incompleto. La tardiva o omessa presentazione del Modello Intrastat 2018 può essere regolarizzata mediante lo strumento del Ravvedimento Operoso. Tale istituto oltre che consentire la regolarizzazione con il Fisco, consente al soggetto obbligato alla comunicazione degli elenchi Intrastat di ottenere una sanzione ridotta sempre che la violazione non sia stata già constatata e comunque non siano già state attivate le procedure di controllo e recupero delle somme omesse.

Le novità  e le semplificazioni per i Modelli Intrastat 2018 serviranno ancor di più per agevolare il tuo inizio con gli scambi commerciali all’estero, e se invece sei già sulla strada dell’internazionalizzazione della tua attività, ti vogliamo ricordare di stare attento alle soglie limite per essere sempre in regola con il Fisco.

Ti potrebbe interessare anche…

Partita IVA online: come aprire in modo SEMPLICE & VELOCE

Partita IVA online: come aprire in modo SEMPLICE & VELOCE

Lo sapevi che, ormai da qualche tempo, è possibile aprire Partita IVA online, in modo semplice e veloce, senza estenuanti code negli uffici dell'Agenzia delle Entrate? Che tu sia un libero professionista o un aspirante imprenditore, oggi la tecnologia ti permette non...

VoWifi: cos’è e come usarlo in azienda

VoWifi: cos’è e come usarlo in azienda

La tua attività si basa sulla comunicazione, il budget aziendale per le chiamate è mostruoso e devi abbatterlo? La soluzione c'è! Scopri il VoWiFi: cos'è e come usarlo in azienda per ottenere degli ottimi risparmi. Voice over WiFi, ecco perché ti serve davvero Hai...

Risarcimento del danno: quando chiedere aiuto all’avvocato

Risarcimento del danno: quando chiedere aiuto all’avvocato

Pensi di essere stato danneggiato e che hai diritto a un risarcimento, ma non sai da dove cominciare per ottenerlo? Eccoti le dritte sul risarcimento del danno e su quando è il caso di chiedere aiuto all'avvocato. Risarcimento del danno: quando chiedere aiuto...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cos’è AddLance?

AddLance è un servizio gratuito che ti permette di trovare l’aiuto che cerchi. Hai bisogno di un logo, di un sito web, di testi, traduzioni, consulenze legali o altro? Su AddLance ottieni gratis i contatti dei migliori professionisti italiani.

Iscriviti alla Newsletter

Share This