Engagement Rate, come coinvolgere i Collaboratori in Azienda

23 Dic 2019 | Esperienze

engagement rate collaboratoriL’engagement rate è traducibile in italiano con il termine tasso di interazione. Non riguarda, ovviamente, solo l’ambito delle risorse umane (del quale stiamo parlando). Puoi incontrare un engagement rate nel marketing, nel social marketing, nel content marketing e via discorrendo. In generale, l’engagement rate è un dato che “misura” quanto un utente o un collaboratore è coinvolto nel tuo brand.

Più in generale, invece, il termine engagement viene tradotto con le parole “coinvolgimento” e “attaccamento emotivo”. Può essere riferito ad un utente/acquirente rispetto ai prodotti/servizi del tuo brand, oppure può riferirsi all’attaccamento dei collaboratori alla tua azienda. Noi, in questo articolo, parleremo di questo secondo aspetto e di quello che puoi fare per aumentare l’engagement rate dei tuoi collaboratori, soprattutto se gestisci un team di freelance – magari geograficamente dislocati.

Leggi anche Come fare team building se hai una squadra di freelance

 

7 strategie per aumentare l’engagement rate nei tuoi collaboratori (anche freelance)

 

  • Incoraggia la flessibilità

Indispensabile se ti appoggi a un team di freelance è altrettanto efficace se devi gestire un gruppo di dipendenti. Se offri ai tuoi collaboratori la flessibilità (ovvero la libertà di adattare i propri orari di lavoro per calibrare azienda e famiglia) ne trarrai di sicuro vantaggio. Anche se molti datori di lavoro non si fidano a lasciare questa “autonomia” ai propri lavoratori, i vantaggi della flessibilità uniti al lavoro per goal o obiettivi sono indiscussi.

  • Chiedi feedback in modo regolare

Vuoi aumentare il coinvolgimento dei dipendenti/collaboratori? Chiedi loro regolarmente feedback. Di solito i datori di lavoro danno feedback (sullo stile di lavoro, sul carico di lavoro, sul risultato finale). Prova invece a richiedere un feedback ai tuoi collaboratori (ad  esempio su una proposta commerciale, su un concetto di design, su un prototipo d’azienda). Li farai sentire importanti e aumenterà il loro engagement rate nei confronti dell’azienda per la quale prestano il loro lavoro.

  • Chiarisci gli obiettivi

Chiarire obiettivi e responsabilità è fondamentale se intendi aumentare il coinvolgimento dei collaboratori all’interno della tua azienda. Ogni dipendente/collaboratore, infatti, ha una serie di obiettivi e responsabilità su cui deve concentrarsi o lavorare. Questi obiettivi o goal devono essere ben chiari per poter procedere senza intoppi. Ricordati anche che un buon leader è colui che è lì per aiutare i propri dipendenti a stabilire gli obiettivi e assisterli quando sorgono problemi. Vuoi aumentare l’engagement rate in azienda? Dimostra al tuo team che sei lì per aiutarlo.

Leggi anche Stai per ingaggiare un freelance? Punta sulla (sua) intelligenza emotiva

 

  • Incoraggia la collaborazione

La collaborazione è uno degli aspetti più importanti per qualsiasi buona impresa. Il lavoro di collaborazione, infatti, crea un ambiente di lavoro più felice e cementa il legame di squadra tra i collaboratori della tua azienda.

Ti avvali anche (o solo) di collaboratori freelance o in outsourcing? Niente paura. Esistono anche degli ambienti virtuali dove fare team building e incoraggiare la collaborazione. Ci sono anche strumenti (gratuiti o a pagamento) perfetti per il project management non solo verticale ma anche orizzontale (vedi Asana e similari).

Leggi anche Come organizzare il lavoro

  • Mostra gratitudine regolarmente

Apprezza l’impegno dei tuoi collaboratori e dei tuoi dipendenti. “Grazie” è una parola magica per cementare il coinvolgimento e per far accrescere l’engagement rate nei confronti della tua azienda. Mostrare apprezzamento nei confronti del lavoro svolto non solo rende tutti più felici, ma è in grado di aumentare la produttività generale. Ricorda anche che un riconoscimento da parte della direzione e dei colleghi è il modo più rapido per creare fiducia, ripristinare una relazione tesa e motivare dipendenti e collaboratori.

Un riconoscimento è il modo più rapido per creare fiducia e motivare

  • Costruisci relazioni autentiche

Se costruisci una relazione positiva con i tuoi dipendenti e collaboratori o con i freelance che “da fuori” lavorano ai tuoi progetti, ne trarrà beneficio l’intera produttività aziendale. I collaboratori percepiranno subito che tu come capo (o il tuo management se hai una grossa azienda) li prendi a cuore come persone e non come semplici meccanismi del processo produttivo.

  • Promuovi l’onestà

Se avvi una comunicazione onesta con il tuo team, l’engagement rate dei collaboratori aumenterà. Infatti l’onestà è l’unica base solida nella costruzione di una azienda di successo. Nei confronti del tuo team promuovi un ambiente comunicativo in cui il rispetto e l’onestà siano valori fondanti. Questo ti permetterà di prevenire alcuni problemi e di abbattere la paura dei collaboratori di “perdere il lavoro” se dicono quello che pensano. Grazie all’onestà i tuoi collaboratori saranno incoraggiati ad attribuirsi successi e anche fallimenti.

 

 

Ti potrebbe interessare anche…

Dottore Commercialista: è importante averlo?

Dottore Commercialista: è importante averlo?

Martina Rossi, dottore commercialista Il commercialista spesso è visto solo come un costo fastidioso. Un appuntamento a cadenza regolare che va adempiuto senza battere ciglio e "ingoiando il rospo". Invece, no! Lo studio del commercialista è un porto sicuro dove...

Il segreto del Traduttore Freelance

Il segreto del Traduttore Freelance

Simona Savelli, traduttrice freelance Intervista di AddLance Blog con Simona Savelli, traduttrice freelance professionista che spalanca ai nostri lettori le porte del mondo del traduttore di testi. Così, per chi vuole intraprendere l'attività nell'ambito delle...

Facebook Marketing: Creatività, non solo Metriche

Facebook Marketing: Creatività, non solo Metriche

Gianmarco Corradi Questa volta AddLance Blog ha intervistato Gianmarco Corradi, diplomato in Comunicazione creativa per i Beni Culturali all'Accademia di Brera e social media manager di professione. Gianmarco si occupa del Facebook marketing per diversi clienti e di...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cos’è AddLance?

AddLance è un servizio gratuito che ti permette di trovare l’aiuto che cerchi. Hai bisogno di un logo, di un sito web, di testi, traduzioni, consulenze legali o altro? Su AddLance ottieni gratis i contatti dei migliori professionisti italiani.

Iscriviti alla Newsletter

Share This