Fondi UE ai Freelance: è Legge

30 Dic 2015 | Notizie

fondiL’Unione Europea raccoglie e distribuisce ingenti somme a sostegno dell’attività imprenditoriale a cui ci si può rivolgere. Per esempio il fondo -Horizon 2020- è aperto a tutti da imprese a ditte individuali europee. Esistono però alcuni fondi che pur essendo europei sono gestiti localmente. Il Fondo Sociale Europeo (FSE) e il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) sono fondi europei ma gestiti dalle regioni italiane.

Fin qua tutto bene. I problemi nascono nel definire i destinatari di questi fondi. Secondo la UE questi fondi sono destinati a qualsiasi tipologia di impresa. La commissione europea è chiara: “impresa qualsiasi entità, a prescindere dalla forma giuridica rivestita, che svolga un’attività economica, incluse in particolare le entità che svolgono un’attività artigianale o altre attività a titolo individuale o familiare, le società di persone o le associazioni che svolgono regolarmente un’attività economica.”

Anche lo scopo di tali fondi è chiaro: “FSE e FESR distribuiscono fondi su base annuale per finanziare progetti partecipati da istituzioni pubbliche, centri di ricerca e imprese (grandi, medie e piccole) atti ad incentivare lo sviluppo economico, sociale e tecnologico del territorio.”

Purtroppo in Italia i bandi di questi concorsi erano limitati a società istituzionali o di capitali e non prendevano in considerazione i milioni di professionisti autonomi. Nell’attuale legge di stabilità ci si propone di adeguarsi alle direttive della UE ma durante le discussioni parlamentari si è cercato di limitare i beneficiari di tali fondi ai soli professionisti iscritti agli albi. Chiaramente questa discriminazione mirava a rafforzare la lobby di una specifica tipologia di liberi professionisti a danno dei freelance che operano nel terziario avanzato.

La pressione dell’ACTA (l’associazione dei freelance) ha reclamato il rispetto delle linee guida della UE e finalmente la legge di stabilità è stata approvata estendendo a tutti coloro che posseggono la partita IVA di partecipare ai bandi. Le regioni dovranno adeguarsi anche se Lombardia e Toscana si erano già mosse.
Se siete interessati a questi aiuti basta andare sui portali della vostra regione e cercare i bandi aperti FSE e FESR.

Ti potrebbe interessare anche…

Firma digitale cos’è e quando serve ai freelance

Firma digitale cos’è e quando serve ai freelance

La firma digitale cos'è? Quando si usa? Se ti è stato chiesto di usare la firma digitale e sei un freelance, ecco quello che devi sapere. Dai programmi per creare firme digitali, al costo al come firmare digitalmente i documenti (e quali). Leggi di più nel nostro...

Freelance: le 3 regole dell’ufficio in casa

Freelance: le 3 regole dell’ufficio in casa

Sei un freelance soddisfatto: orari flessibili, autonomia d'azione e soprattutto niente stress da ufficio. Ma non è tutto rose e fiori. Ecco le nostre dritte per freelance: le 3 regole dell'ufficio in casa che ti salvano la vita se qualcosa va storto. Freelance: le 3...

Novità fiscali per chi lavora freelance

Novità fiscali per chi lavora freelance

Se sei un lavoratore freelance tieniti aggiornato anche con le novità fiscali, soprattutto se operi in regime forfettario. In questo articolo proveremo a fare una carrellata di tutte le notizie fiscali che ci aspettano in questo 2022. Il regime forfettario, il più...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cos’è AddLance?

AddLance è un servizio gratuito che ti permette di trovare l’aiuto che cerchi. Hai bisogno di un logo, di un sito web, di testi, traduzioni, consulenze legali o altro? Su AddLance ottieni gratis i contatti dei migliori professionisti italiani.

Iscriviti alla Newsletter

Share This