Logo Inter, la potenza (commerciale) dell’acronimo

25 Mag 2021 | Articoli su Logo Design

logo inter

Ti chiedi quanto conti il logo per una squadra di calcio? Tanto, soprattutto se è una squadra vincente! Scopri tutto su un simbolo che spacca: il logo Inter. Un acronimo riuscitissimo dalle alte potenzialità commerciali e non.

Logo Inter, come nasce l’acronimo più commerciale del calcio

La Gazzetta dello Sport parla chiaro: alla fine del 2021 si prevede l’aumento del 14,5% dei ricavi da sponsorizzazioni, diritti audiovisivi e merchandising legati allo sport. In prima linea c’è il calcio: a patto però che le squadre siano brave e abbiano un logo potente. Già, perché il logo calcio è il biglietto da visita delle Società Sportive: nelle pubblicità, nei gadget, nei blog e sulle pagine Facebook. Un esempio è il logo Inter, acronimo nato un secolo fa, ma recentemente rinnovato. Ha attraversato varie fasi creative, di pari passo alle tappe della squadra milanese. Ecco quelle iniziali:

1904 – nasce il Foot-Ball Club Internazionale Milano

E’ l’anno in cui cominciano i litigi fra i soci del Milan Cricket and Football Club perché la Società non vuole accettare giocatori stranieri, anche se abitano a Milano. La spuntano quelli che la sanno lunga sul calcio ed hanno l’idea di inventare una squadra di tipo “internazionale”. Nasce il Foot-Ball Club Internazionale Milano, che per i tifosi è semplicemente “Inter“.

1908 – Giorgio Muggiani firma il primo Logo Inter

L’appuntamento è al Ristorante “Orologio” in piazza Duomo, 22 a Milano, dove i 44 fondatori dell’Inter, seduti ad una lunga tavolata e un po’ brilli, fondano la squadra. Serve subito un logo per lanciare la nuova sfida al calcio. Quella stessa sera ingaggiano Giorgio Muggiani, designer futurista e grande tifoso del San Gallo. La corrente artistica del Liberty (o Art Nouveau) va alla grande, soprattutto nella pubblicità. Viene dall’Inghilterra dove, guarda caso, è stato inventato anche il calcio. Muggiani fa due più due e tira fuori il primo logo Inter, che ha 4 elementi basici:

  1. Forma circolare, in controtendenza con gli altri loghi calcistici
  2. Acronimo del nome, cioè iniziali F C I M a caratteri bianchi con grazie, intrecciati tra loro, in stile inglese. Ispirato alle decorazioni dei palazzi di Porta Venezia e Palestro a Milano
  3. Sfondo dorato, riferito alle stelle: perché la squadra mira subito a diventare una star del calcio!
  4. Doppia cornice azzurra e nera: colori Inter, simboli del giorno e della notte, in una Milano sempre attiva, vera metropoli internazionale.

Con questo logo la nuova squadra si lancia in gara e comincia a mietere successi. Va avanti così per vent’anni, fino al secondo step, specchio dei nuovi tempi: leggi subito cosa è successo!

Il Logo Inter dagli anni Venti ai Novanta, tutte le grafiche 

Il Novecento si apre bene per il calcio lombardo: nasce una nuova squadra dal respiro internazionale, degna di una metropoli come Milano, l’Inter. La squadra miete successi, partecipa al Campionato ed entra in serie A. Il logo Inter graficamente è molto avanti, ma viene aggiornato più volte nell’arco di settant’anni. Ecco le tappe del rebranding e le grafiche più importanti.

Leggi anche Rinnovare il look aziendale con il Rebranding

1928-29: Col regime fascista ci si adatta allo stile artistico ufficiale

Il logo Inter si trasforma così:

  1. Al centro del cerchio un fascio littorio, simbolo dell’unione che fa la forza. Ai suoi lati lo scudo visconteo con la biscia e quello rossocrociato di Milano. L’acronimo sparisce, dato che il Regime non vuole riferimenti agli stranieri
  2. Si inserisce una scritta riferita al carattere Ambrosiano della città con strisce neroazzurre e il dorato predominante. Ai lati le iniziali di “Associazione Sportiva”

1945-2000, l’Inter esplode e ha bisogno di un logo più commerciale

Storia logo Inter

Le nuove versioni del logo sono:

  1. Forma circolare, acronimo a lettere dorate, fondo bianco e cornici nerazzurre. Questo logo fa un figurone sulle divise della stagione 1958-1959, quella dei 33 gol di Antonio Valentin Angelillo.
  2. La forma diventa un quadrato ruotato di 45 gradi. Lo sfondo è sempre a bande nerazzurre, al centro un banalissimo pallone da calcio. Finalmente compare il nome popolare: Inter. La squadra infatti ha vinto 5 scudetti e va avanti come un treno!
  3. La forma  ovale a strisce verticali nerazzurre, al centro la biscia viscontea dorata. La scritta Inter è nella parte superiore a lettere dorate su sfondo nero. Le iniziali di “Football Club“, spiccano su fondo blu. E’ lo stemma per i tifosi.
  4. Ritorna il logo di Muggiani, con un leggero restyle nell’intreccio delle lettere e qualche piccola variazione nel rapporto fra i colori, dove predomina l’oro. Infatti sono gli anni della Grande Inter, che miete successi in Europa e nel mondo. L’Inter simbolo si riconosce ovunque e frutta come il marchio di un’azienda commerciale.
  5. Negli anni Ottanta il simbolo dei Visconti torna a dominare. Il nuovo logo Inter è uno scudo con sfondo bianco, attraversato da due strisce diagonali nerazzurre. Al centro, un biscione disegnato con tratto moderno. Accanto la stella, simbolo dei 10 scudetti vinti al Campionato nazionale. Alla fine degli anni Ottanta si aggiunge la scritta Inter in nero, per esprimere più aggressività.
  6. Il logo fa marcia indietro nella grafica degli anni Novanta: torna alla versione originaria di Muggiani. Per dieci anni resta la scritta F C I M, in bianco su un oro; la stella, ancora più grande, si riferisce alle tre Coppe Uefa conquistate.

Leggi anche Storia del biscione, lo stemma Alfa Romeo è un logo di successo

La storia del logo Inter non finisce qui: altri restyle grafici arrivano per rappresentare al meglio il brand. Leggi di seguito quali sono!

Logo Inter, i restyle degli anni 2000, tra successi e innovazione tecnologica

La storia del logo di una squadra di calcio racconta i suoi alti e bassi: i restyling rappresentano le svolte epocali della squadra, nella sua escalation verso il successo sportivo ma anche aziendale. E’ così per il logo Inter, nato agli inizi del Novecento grazie ad un graphic designer competente ed esperto di calcio. Ecco le trasformazioni grafiche dal 2000:

  • All’inizio del ventunesimo secolo arrivano novità stilistiche: grazie ai software di grafica il logo classico assume tratti più moderni. Si scopre che il blu spicca di più sul web e il cerchio diventa monocolore. La scritta INTER e l’anno di fondazione sono a lettere bianche. L’oro è riservato al motivo centrale, l’acronimo FCIM affiancato dalla stella.
  • Per il centenario del Club, nel 2007 un nuovo restyling riavvicina il logo alle origini con una maggiore proporzione tra i cerchi concentrici nero, blu e oro. La stella è posta all’esterno del logo e l’acronimo FCIM è di nuovo a lettere bianche.
  • Nel 2014 ci si concentra sui dettagli: l’Agenzia Leftloft ripulisce il logo rendendolo più minimalista. Oramai è un vero e proprio brand, il cui marchio va riprodotto offline e online e vale miliardi.

Nel 2021, la svolta: il nuovissimo logo Inter 2021, inventato dal team Bureau Borsche, di Monaco di Baviera, per la stagione sportiva 2021/22. Gioca con le iniziali del nome del Club, Internazionale e Milano, che significano anche  I’M, ovvero “Io Sono” in inglese. La mission della squadra è sempre quella di grande apertura: ieri verso gli stranieri, oggi verso un target di pubblico globale, di varie fasce d’età e sempre più digitale. Il logo Inter del 2021 spinge il follower ad identificarsi nei valori di inclusione, stile e innovazione promossi fin dal 1908. La grafica del logo si basa su pochi elementi:

  • forma circolare
  • tripla cornice nera, blu e bianca dai toni più accesi
  • nuovo font delle lettere I ed M, per le  iniziali di “Inter Milano” nome usato all’estero per la squadra. Sono bianche e si intersecano alla cornice bianca spezzandola, riproponendo il gioco grafico del 1908

Il nuovo logo Inter è diventato un vero e proprio fashion brand: infatti sarà usato per una capsule collection riservata ai tifosi di nicchia.

Conclusioni

La storia del logo Inter ti ispira? Ora che sai che il logo calcio è importante come un logo commerciale, lanciati subito alla ricerca del tuo logo su AddLance!

Ti potrebbe interessare anche…

Logo Milano Cortina 2026, torna il grande sport

Logo Milano Cortina 2026, torna il grande sport

Con il Logo Milano Cortina 2026 torna il grande sport italiano nel mondo! La grafica è legata a una mission precisa, come ogni logo che si rispetti: scopri subito cosa c'è dietro il concept del marchio, le grafiche che hanno portato, un po' tra le polemiche, alla...

Il Logo Amazon, dagli inizi allo scivolone del 2021

Il Logo Amazon, dagli inizi allo scivolone del 2021

Non tutte le ciambelle riescono col buco e neanche il logo design si salva. E' successo ad Amazon: l'icona della sua App ha rischiato di distruggere anni di successo! Scopri di più sul logo Amazon, dagli inizi allo scivolone del 2021. Come nasce il logo Amazon?...

Logo Huawei, storia di un leader

Logo Huawei, storia di un leader

Sai proprio tutto sul logo Huawei? Ci sono ancora molte cose da scoprire sul simbolo del colosso cinese! Ti sveliamo i segreti del logo Huawei, storia di un leader della tecnologia, ma anche della potenza grafica di un marchio che ha scalato il mercato. Huawei logo e...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cos’è AddLance?

AddLance è un servizio gratuito che ti permette di trovare l’aiuto che cerchi. Hai bisogno di un logo, di un sito web, di testi, traduzioni, consulenze legali o altro? Su AddLance ottieni gratis i contatti dei migliori professionisti italiani.

Iscriviti alla Newsletter

Share This