Marketing aziendale, Tool per Start up che fanno SMM

16 Dic 2019 | Articoli su Marketing

marketing aziendale strumenti per start upStai per affrontare la nascita della tua start up: la fase iniziale è esaltante, ma potrebbe trasformarsi anche in un disastro. Per prima cosa devi usare il marketing aziendale che sfrutta i social. Leggi i tool per start up che fanno social media, per avviare la tua attività al successo.

Tool per start up nel marketing aziendale, perché usarle

Nel campo del marketing aziendale gli strumenti di business sono davvero tanti. Nel caso tu stia avviando una start up,  ti consigliamo i tool necessari, spiegandoti come e perché usarli. I tool in questione non sono altro che (preziosi) strumenti di marketing aziendale, che supportano la tua idea di business e il desiderio di realizzare il tuo sogno. Alcuni di loro rappresentano dei must-have per arrivare al successo e vale la pena di usarli perché consentono alle attività appena nate di:

  • risparmiare tempo
  • ridurre i costi
  • aiutarti a commercializzare nuovi prodotti
  • proteggerti da problemi legali e di sicurezza informatica
  • accrescere la brand Identity e la brand reputation della start up nel mercato

È vero, nessuno strumento digitale, da solo, può fare il successo di una start up. Però, questi strumenti che ti proponiamo possono aiutarti a raggiungere gli obiettivi più velocemente. Leggi di seguito in che modo.

Leggi anche Come adeguare un sito al Regolamento sulla Privacy

Tool per start up, i più utili per la gestione generale del lavoro

Chiarito cosa sono i tool per start up nel marketing aziendale e perché usarli, ecco una lista dei più utili per la gestione generale del lavoro:

  • Assicurati che la tua società non stia compromettendo la propria sicurezza. In questo può aiutarti WhiteSource, una piattaforma SaaS per la gestione della sicurezza e della conformità delle licenze, specializzata in codice open source. Può essere utilizzata con tutti i linguaggi di programmazione e si collega a tutti gli strumenti di compilazione più diffusi.
  • Fai colpo su potenziali investitori nella tua start up, tenendo perfettamente in ordine tutta la documentazione: piani di sviluppo, documenti di proprietà intellettuale, piani strategici di bilancio e documenti fiscali. Per archiviare e condividere tutti i tuoi documenti aziendali, l’ideale è impostare una virtual data room (VDR) basata su cloud per ogni potenziale investitore.
  • Lancia le demo dei prodotti nel mercato per catturare i clienti, per esempio con ClickMeeting, una piattaforma webinar che può aiutarti a costruire partnership strategiche senza uscire dall’ufficio. La piattaforma ClickMeeting avvia sia conversazioni virtuali, sia webinar dimostrativi dal vivo. In questo modo i potenziali clienti capiscono i benefici provenienti dall’uso dei tuoi prodotti.
  • Gestisci i tuoi dipendenti su Auto-Pilot, perché in fase di start up non avrai certo il tempo di pensare alle risorse umane e alla gestione dei dipendenti! Una piattaforma come Deputy, ad esempio, può gestire il tuo team, gestire orari e presenze, PTO, buste paga, comunicazione e tasking.

Leggi anche Come fare team building se hai una squadra di freelance

  • Rendi i tuoi sprint più produttivi, evitando che circostanze esterne ti distraggano dai tuoi obiettivi. Per far questo, organizza lo sviluppo del prodotto con un tool specifico. Per esempio con Trello, che consente l’accesso all’intero team concentrato sulle fasi di lancio. Si possono assegnare attività alle persone giuste, ricevere aggiornamenti sullo stato, e avvisi e-mail quando sono state raggiunti gli obiettivi.

Tool per start up che fanno social media management, come usarle

marketing aziendale per start up

I social media servono a generare engagement, ovvero coinvolgere il pubblico del web e avvicinarlo ai valori e alla filosofia della tua start up. Quindi hai bisogno di una strategia editoriale, pianificando nei dettagli i contenuti da pubblicare di volta in volta. Però devi  capire anche a quale target rivolgerti, come creare un hashtag, come mettere online i contenuti valutandone i risultati. La parola d’ordine è: ascoltare i propri utenti. Devi captarne i cambiamenti, per modificare a tempo di record i contenuti social. Tutto questo richiede metà del tempo, usando strumenti adatti. Ecco qualche esempio:

  • Dai un senso ai dati con visualizzazioni incorporate. Ad esempio, se usi una app, riesci sicuramente a raccogliere i dati giusti sugli utenti e le loro abitudini tramite una piattaforma di BI. In questo modo puoi creare soluzioni di visualizzazione personalizzate delle informazioni raccolte.
  • Per connetterti agli utenti, accrescere la brand Reputation e la brand Identity, nel business digitale devi monitorare i social. La piattaforma SentiOne, ad esempio, ti fa percepire i commenti suol tuo brand e sui competitor condivisi sui siti web e sui social più importanti. Vengono filtrate migliaia di notizie, blog, forum e piattaforme come Facebook e Twitter. Cosa importantissima: SentiOne ti aiuta a monitorare il sentimento verso il tuo marchio, attraverso il passaparola e il buzz marketing.
  • Se sei nell’e-commerce è necessario che il tuo sito web venda sempre di più. Attenzione: magari ti sembra intuitivo ma non è detto che lo sia anche per i visitatori. Ricorda che, in base alla complessità del sito, potresti perdere engagement ogni giorno, semplicemente perché si abbandona la navigazione per insicurezza o confusione. WalkMe rende il tuo sito web fluido e facile da navigare aggiungendo overlay, cioè segnali di navigazione al tuo sito web esistente. Si riduce così la frequenza di rimbalzo, aumentando le conversioni.
  • Ti sembrerà strano, ma far crescere e ottimizzare l’impegno sociale dà i suoi frutti: il tuo prodotto ancora sconosciuto diventa un brand familiare con Falcon, una piattaforma di social media marketing creata per i team che cercano una rapida crescita. Il calendario dei contenuti collaborativi di Falcon consente al tuo team di pianificare, modificare e pubblicare tutti i tuoi contenuti sui social media da un’unica posizione. Puoi anche archiviare l’intera libreria di contenuti, avere un’unica casella di posta sociale per ricevere notifiche sui clienti e usare funzionalità di analisi e strumenti di ascolto. Anche Smooch, è un tool che permette, attraverso un’unica piattaforma, di gestire i messaggi provenienti da diversi canali e tenere in ordine il customer care.
  • Per generare engagement sui social media è necessario essere informati sugli argomenti di tendenza del proprio settore: uno strumento molto utile per reperire fonti è Spidwit, tool di content curation disponibile in lingua italiana.
  • I social vivono in una dimensione visual e Canva è lo strumento più adatto per creare ed editare le immagini da postare sui propri canali. Ha un ricco archivio di immagini, diversi filtri da applicare alle foto e un’interfaccia semplice da utilizzare. E’ disponibile sia per il web che per dispositivi mobile iOS.
  • Esiste anche uno strumento ideale per creare contenuti video, se hai una start up che fa social media: si chiama Lumen5 ed è gratuita. Partendo da un link e basandosi su un algoritmo di intelligenza artificiale, genera il video-slide show di un articolo.
  • Una volta creato il contenuto, occorre gestirlo su tutti i canali social: ma il monitoraggio delle prestazioni dei post e la programmazione richiedono un sacco di tempo. Ti aiuta Postpickr, attraverso il quale lavorare su gruppi e pagine Facebook, account Twitter, pagine e vetrine LinkedIn, bacheche multiple Pinterest, account Instagram e canali Telegram.

Conclusioni

Come dice Bernardo Mannelli, esperto di tool per start up: “Il digitale è un moltiplicatore di business, non una spesa improduttiva”. Gli strumenti per fare social management daranni una spinta in più alla tua attività appena nata. Provaci subito!

 

Ti potrebbe interessare anche…

4 Tool utili per un creare un ottimo media plan

4 Tool utili per un creare un ottimo media plan

Sei stato ingaggiato per approntare il media plan di una azienda o di una start-up? Sei tu il titolare e hai deciso di metterti all'opera e redigerne uno? Ecco 4 strumenti utili che dovresti conoscere e usare subito. Scopri tutti i dettagli in questo post. Media...

I 3 passi per scrivere correttamente un guest post

I 3 passi per scrivere correttamente un guest post

Se stai pensando di ospitare un guest post sul tuo sito o stai facendo tu attività di guest blogging, leggi questo articolo. Ti riassumiamo quali sono i 3 passi fondamentali per creare correttamente un guest post e trarre il massimo dei vantaggi da questa attività di...

SnapChat APP: non sottovalutare il  fantasmino

SnapChat APP: non sottovalutare il fantasmino

Conosci (e usi) solo i social network più famosi? Leggi qui, forse sottovaluti "il fantasmino": ecco infatti cosa dovresti sapere su SnapChat e SnapChat APP, un social definito "secondario" che non lo è affatto. Includilo pure nella tua strategia di digital marketing...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cos’è AddLance?

AddLance è un servizio gratuito che ti permette di trovare l’aiuto che cerchi. Hai bisogno di un logo, di un sito web, di testi, traduzioni, consulenze legali o altro? Su AddLance ottieni gratis i contatti dei migliori professionisti italiani.

Iscriviti alla Newsletter

Share This