Promuoversi con uno Showcooking, i 5 Consigli per Chef freelance

showcooking chef freelanceIl food impazza in televisione e sui social: per avere un successo sicuro, qualsiasi evento deve ospitare uno showcooking di tutto rispetto. Se sai cucinare e ci sai fare anche col pubblico, ecco 5 consigli utili per lavorare come chef freelance e promuoversi negli eventi.

Cos’è uno showcooking e perché, se sei uno chef, ti conviene farlo come attività freelance

Hai studiato all’Istituto Turistico-Alberghiero oppure hai un diploma di chef di una prestigiosa Accademia di cucina? E’ ora di proporti come freelance all’interno degli eventi più spettacolari! I motivi possono essere diversi:

  • viaggi in tutto il mondo, soprattutto se rappresenti la prestigiosa cucina made in Italy
  • guadagni cifre proporzionate all’impegno, stabilite in base all’effettivo tempo
  • conosci gente sempre diversa, che potrebbe ingaggiarti per le sue feste ed i suoi eventi: niente di meglio per costruire la tua carriera di chef
  • girando, sperimenti ingredienti e prodotti locali per arricchire i tuoi piatti e offrire ai clienti sempre cose nuove
  • se lo showcooking è una gara tra colleghi, ti confronti con loro, accrescendo la tua sicurezza
  • grazie al passaparola e alla qualità del tuo lavoro, la reputazione del tuo brand cresce, facendoti distinguere dalla concorrenza e moltiplicando le richieste
  • avrai una pubblicità a costo zero, se ti inserisci negli eventi già organizzati

Cosa fa esattamente uno chef freelance in uno showcooking? Si tratta di una live performance, dunque cucina in diretta, davanti al pubblico. Non basta: mentre cucina, il cuoco, racconta;

  • ricette
  • aneddoti
  • trucchi e curiosità alla platea che assiste seduta di fronte a lui.

Niente paura, non devi fare cabaret: gli argomenti riguardano sempre:

  • le pietanze
  • gli ingredienti usati
  • il servizio e tutto ciò che è il mondo del food.

E’ ammesso, per lo chef freelance impegnato in uno showcooking, un aiutante che faciliti tutte le operazioni, anche se il focus deve mantenersi costante su di lui. Terminata la preparazione del piatto, lo stesso verrà immediatamente assaggiato dal pubblico o da una giuria, se si tratta di una gara. Quest’ultima fase dello showcooking racchiude la chiave del successo, perché generalmente l’aspettativa è molto alta. Guai a deludere il pubblico.

Leggi anche Lavoro freelance (online e offline): il ruolo del passaparola

Se l’idea ti convince, sappi che allestire uno showcooking comporta l’acquisto di un’attrezzatura che ti seguirà ovunque verrai chiamato. Le pentole e i fuochi, infatti, sono come gli strumenti del medico: meglio usare sempre i propri, perché  scelti da te che ne conosci bene il funzionamento e la resa. Può capitare però che all’inizio dell’attività tu non possa affrontare la spesa del trasporto in lungo e in largo della tua attrezzatura da showcooking. In questo caso dovrai operare con accessori e cucine messi a disposizione da chi ti ingaggia, adattandoti. Sarà bene, in tal caso, fare qualche prova prima di cimentarsi in diretta davanti al pubblico.

Chef freelance: scopri se sei tagliato per farlo e che requisiti avere per affrontare lo showcooking

Per scoprire se sei in grado reggere lo stress di uno showcooking e promuoverti con successo, ti consigliamo di visionarne qualcuno sui canali RAI in streaming o su Youtube. Ti accorgerai facilmente che i livelli di esibizione sono molto diversi tra loro, in base agli eventi in cui si è inseriti. Un conto è l’esibizione televisiva, un conto quella al wedding party, per intenderci. L’ideale sarebbe assistere ad uno showcooking dal vivo, all’interno di un evento mondano di media importanza, in modo da valutare le azioni nella realtà.

Esistono anche delle esibizioni formative, come ad esempio lo showcooking tenuto da Antonino Cannavacciuolo allo Stadio Olimpico di Roma nel 2106, in cui il simpatico chef dall’inconfondibile stazza e la parlata irresistibile, dà delle dritte molto furbe ai principianti. Per fare lo chef freelance nello showcooking quindi, non hai bisogno di essere bello. Oltre a saper cucinare molto bene e con disinvoltura, devi certamente avere personalità, risposta pronta, vocabolario ricco, capacità di comunicare emozioni: il cibo richiede empatia, soprattutto dal vivo. Inoltre, essere spontaneo, senza recitare una parte: se sei timido potrebbe sembrarti una buona idea imparare delle frasi prestabilite, ma l’effetto sul pubblico sarebbe negativo. Il convivio è simbolo di sincerità, a partire dalla preparazione dei piatti. Infine, personalizza i dettagli: lo scopo è quello di restare impresso nella memoria associando la tua immagine alla qualità delle tue pietanze, proprio come un brand. L’epoca dello chef nascosto agli occhi dei clienti è finita. Anche nei ristoranti la tendenza è quella di usare pareti trasparenti, che lasciano vedere a tutti cosa sta combinando lo staff in cucina. Se possiedi queste caratteristiche base, puoi lanciarti subito nel mondo dello showcooking al servizio di event planner, wedding planner, privati, associazioni, Enti, aziende che hanno bisogno di animazione o pubblicità per un’occasione speciale. Leggi di seguito i 5 consigli per lavorare come chef freelance.

Il cibo è empatia. Ecco i nostri 5 consigli per gli chef freelance che vogliono promuoversi con uno showcooking

showcooking chef freelancePrima di intraprendere l’avventura di chef freelance all’interno di showcooking, leggi i nostri 5 consigli che ti aiuteranno ad organizzare meglio il da farsi:

  • Costruisci il tuo personal brand curando l’immagine da abbinare alla qualità della tua cucina, sfruttando le tue caratteristiche naturali: ti servirà per presentarti al meglio e per farti ingaggiare. Via libera ai piccoli difetti che ti rendono unico, ma cura i dettagli e soprattutto non trascurare di apparire ai clienti sempre ordinato e pulito
  • Tieni pronto un menù flessibile, con alcuni “cavalli di battaglia” che ti riescono bene, ma adattabile di volta in volta al contesto in cui ti trovi. Chiaro che al festival dei celiaci non potrai esibirti con la stessa pietanza preparata all’inaugurazione di un’enoteca o in un wedding party
  • Usa preferibilmente i prodotti tipici dei luoghi in cui ti esibisci, gli ingredienti locali, versioni rivedute di ricette tradizionali del posto. Stabilisce subito empatia col pubblico e attira sponsor e finanziamenti
  • Se non hai ancora un portfolio di esperienze in formato video, comincia a proporti contattando event planner e wedding planner o partecipando a gare tra chef. Usa pagine Facebook e Instagram ben progettate per coinvolgere i follower, annunciando i tuoi showcooking di volta in volta al pubblico
  • Comincia a proporti online su una piattaforma specializzata e renditi disponibile a un preventivo di spesa, a raggiungere qualsiasi località, venire incontro alle esigenze dei clienti. Ricorda che ciò che più convince è la qualità, sia dei piatti che cucini, sia del modo di presentarli durante la performance.

 

Cerca subito l’ingaggio giusto per te proponendo showcooking personalizzati

Ultimo consiglio utile se vuoi promuoverti nel mondo del food come chef freelance: inventa showcooking personalizzati ascoltando il cliente, magari scegliendo un tema particolare legato alla loro vita. Mettiti subito in contatto con chi ti sta cercando!

 

Ti potrebbe interessare anche…

Packaging significato e uso: micro-guida per imprenditori

Packaging significato e uso: micro-guida per imprenditori

Se stai cercando su Google la stringa "packaging significato" è perché, probabilmente, devi decidere in merito per confezionare i tuoi prodotti prima di lanciarli sul mercato. Oppure perché hai in mente un restyle aziendale che includa anche l'identità visiva. Abbiamo...

Inbound marketing cos’è e come puoi servirtene

Inbound marketing cos’è e come puoi servirtene

Non sai l'inbound marketing cos'è? Se ti appresti a sfruttare questa strategia per la tua attività professionale, ecco in sintesi cosa sarai chiamato a fare insieme al tuo esperto di fiducia: aiutare potenziali clienti a trovare la tua azienda (prodotti/servizi)...

New Jobs: diventare Instagram brand ambassador

New Jobs: diventare Instagram brand ambassador

Continua il viaggio di AddLance tra le nuove professioni. Oggi scriveremo su come diventare Instagram brand ambassador. Scopriremo insieme cos'è il brand, perché ne viene data così tanta importanza e di cosa si occupa esattamente un brand ambassador. Non si sa mai,...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cos’è AddLance?

AddLance è un servizio gratuito che ti permette di trovare l’aiuto che cerchi. Hai bisogno di un logo, di un sito web, di testi, traduzioni, consulenze legali o altro? Su AddLance ottieni gratis i contatti dei migliori professionisti italiani.

Iscriviti alla Newsletter

Share This