App utili per il Content Management

app utili content management

Fai il content manager di professione? I tuoi clienti ti cercano sempre? Porta un “kit di pronto intervento” con te: scarica sul tuo smartphone le app utili per il content management. Così avari a portata di mano gli strumenti necessari per intervenire al volo e in mobilità, se necessario, e per avere sempre e comunque tutto sotto controllo. Ecco i must have, secondo AddLance Blog.

1) Cerca le parole chiave che ti servono

Sicuramente tra le app utili per chi fa il content manager ci sono i tool che permettono di individuare e scegliere le parole chiave. Non c’è bisogno di spiegare, in questa sede, l’importanza delle keyword per chi scrive contenuti per il web. E’ buona abitudine scaricare qualche app tipo BuzzSumo, Keyword Tool App o similari (verifica bene il rating della app prima di scaricarla). Meglio scaricare la app del software che usi abitualmente, in modo da impostare gli stessi profili per ogni cliente e avere tutto sotto controllo.

2) Monitora le prestazioni

Conoscerai e sicuramente userai già Google Analytics su desktop. Forse però non sai che puoi scaricare anche la corrispondente app sul tuo dispositivo mobile. In alternativa o in aggiunta, puoi fare il download di Squarespace Analytics e poi impostare i profili dei siti da monitorare.

3) Rendi gli scatti appetibili

Scarica Plotaverse o Canva, oppure entrambi. Servono per modificare e rendere più appetibili le foto che scatti per i tuoi clienti prima di caricarle sul sito, blog, social a corredo dell’articolo che hai scritto. Queste app utili saranno indispensabili se non ti trovi mai ad usare immagini di repertorio. Ad esempio, se curi il content management o la content creation per un creativo. Sarà opportuno avere sempre materiale fotografico nuovo e appetibile per i lettori/clienti. Canva in più di permette via smartphone un visual editing assolutamente accettabile, soprattutto se hai bisogno di modifiche al volo e anche se non hai esperienza come grafico.

Leggi anche Perché dovrebbero servirti un web editor e un content manager

4) Scarica una app per il social media management

Il confine tra content manager e social media manager, lo sai, è molto labile. Così, per alcuni clienti, potresti ritrovarti a gestire anche le loro pagine social, pubblicando articoli ad hoc o postando articoli di terzi o che tu stesso hai scritto per il blog aziendale. Per avere tutto sotto controllo, scarica le app di tutti i social network che gestisci. Ma se lo fai per più di una azienda o sistematicamente per mestiere, non esitare a scaricare la app della piattaforma di social management che usi abitualmente. Una su tutte e forse la più famosa? Hootsuite. Un’alternativa? Onlypult. Così se dovesse esserci qualche inconveniente quando sei in viaggio puoi prontamente intervenire dal tuo smartphone.

5) Monitora il brand via mobile

Probabilmente usi già dei tool per monitorare la presenza del brand online che segui come content manager o come social media manager. Puoi scaricare sul tuo smartphone app utili a questo scopo, che non interagiscano con la tua esigenza di mobilità e che puoi usare quando non sei fisicamente presente in ufficio o sul luogo di lavoro. Prova a fare il download di Mention oppure di Mentionlytics Brand Monitoring (il secondo più quotato del primo, ndr). Questi strumenti sono utili per non perdere di vista nulla della nicchia che segui e per monitorare ciò che viene detto sul web a suo proposito. Informazioni preziose per piazzare bene la comunicazione dei tuoi brand.

Leggi anche App utili Android da non perdere

App utili per il content management? Attiva un network

Da cosa nasce cosa, dice l’adagio. Se vai su AppleStore o su PlayStore e digiti una delle app che ti abbiamo menzionato per il download, sarà lo store stesso a suggeriti, in basso, altre app utili da scaricare. In breve tempo, anche facendo una check-list di strumenti che abitualmente usi su desktop, potresti farti un vero e proprio “arsenale” anche sul tuo smartphone. Non solo: confrontati con i tuoi colleghi: è importante! Creare un network di professionisti freelance è un utilissimo strumento di scambio di idee e una fonte di ispirazione. Non puoi non tenerne conto! Ne gioveranno non solo le relazioni con i colleghi, ma anche e soprattutto le tue prestazioni professionali.

Ti potrebbe interessare anche…

Retargeting significato e 3 strategie d’uso (economiche)

Retargeting significato e 3 strategie d’uso (economiche)

Se stai cercando sul web il termine "retargeting significato", prima leggi qui. Con questo termine si intende una forma di pubblicità estremamente mirata. E' rivolta ad un target di consumatori specifico e veicolata in base al comportamento mostrato precedentemente...

Postare su Facebook &Co: 3 dritte e gli orari migliori

Postare su Facebook &Co: 3 dritte e gli orari migliori

Devi postare su Facebook e sugli altri social aziendali? Ecco qualcosa che potrebbe interessarti: qualche dritta e l'orario migliore per farlo, ottenendo il massimo beneficio di ritorno. Sia in termini di engagement che di traffico organico diretto verso il tuo sito...

Packaging significato e uso: micro-guida per imprenditori

Packaging significato e uso: micro-guida per imprenditori

Se stai cercando su Google la stringa "packaging significato" è perché, probabilmente, devi decidere in merito per confezionare i tuoi prodotti prima di lanciarli sul mercato. Oppure perché hai in mente un restyle aziendale che includa anche l'identità visiva. Abbiamo...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cos’è AddLance?

AddLance è un servizio gratuito che ti permette di trovare l’aiuto che cerchi. Hai bisogno di un logo, di un sito web, di testi, traduzioni, consulenze legali o altro? Su AddLance ottieni gratis i contatti dei migliori professionisti italiani.

Iscriviti alla Newsletter

Share This