Cv in Inglese? Ecco chi Può Tradurlo per Te

25 Nov 2017 | Articoli su Traduzione

Come tradurre il curriculum in ingleseCome tradurre il curriculum in inglese? Se hai intenzione di studiare all’estero o stai cercando un lavoro fuori dai confini nazionali, hai la necessità di tradurre le tue competenze nella lingua passepartout: l’inglese, ovviamente. I modi per raggiungere questo obiettivo sono sostanzialmente due:

  • Sai molto bene l’inglese e puoi tradurre il tuo curriculum da solo
  • Non conosci l’inglese, devi affidarti a terzi

Il nostro consiglio è quello di percorrere la prima strada solamente se la tua padronanza dell’inglese è sufficientemente ampia da garantire un ottimo risultato. Se in più devi aggiungere anche una cover letter, ovvero una presentazione di accompagnamento, l’inglese lo devi sapere veramente bene. Il rischio, altrimenti, è di confezionare un curriculum molto approssimativo e con termini non tradotti in maniera corretta. Sarebbe un buon biglietto da visita per il tuo nuovo impiego? La risposta, ovviamente, è no. Certo, questi sono consigli un po’ scontati. Però, come si suol dire, repetita iuvant. Quindi, nel caso in cui tu non sappia tradurre da solo, devi affidarti a terzi. Lo abbiamo detto prima.
Qualcuno che possa tradurre per te il tuo cv in inglese. E farti fare bella figura.

 

Traduttori on line: sicuro che è la scelta migliore?

Insomma, come tradurre il curriculum in inglese? La prima cosa che avrai pensato, che quasi tutti pensano per prima, è la possibilità di sfruttare la rete e di ricorrere ad un traduttore online. Primo tra tutti il celeberrimo Google Translate. Translate e i traduttori online in generale sono ottimi amici per trarci d’impiccio quando abbiamo bisogno di tradurre sull’unghia. Ma non riteniamo vadano bene per stendere una traduzione professionale o tradurre un curriculum in inglese da zero. Perché? Semplice. I traduttori automatici online lavorano in senso letterale. Così Mr King diventa un Re e non il sig. King – come riporta L’Inkiesta nell’articolo pubblicato da Lidia Baratta. Non proprio il massimo, se ti devi presentare in modo professionale.

Del resto lo ammettono anche da Google: il servizio di Translate ha un uso diverso dalla traduzione professionale. Aiuta piuttosto a tradurre nella vita di tutti i giorni, nella navigazione web. Serve, insomma, per abbattere nell’immediato le barriere linguistiche. Ben altra cosa è tradurre un curriculum in inglese. Una presentazione. Una tesi di laurea. Un semplice report. Insomma, qualunque cosa debba essere sottoposta all’attenzione di qualcun altro. Allora chi può farlo per me?
Se te lo stai chiedendo, ecco la risposta.

Come tradurre il curriculum in inglese? Contatta un traduttore freelance

Esatto, capito bene. Contatta un traduttore freelance. Un professionista che possa aiutarti a tradurre al meglio il tuo curriculum e che ti metta al riparo da figuracce con i tuoi prossimi interlocutori. Non è gratuito, certo, ma può costare meno di quanto pensi. E ti offre un servizio che un traduttore automatico sicuramente non sarebbe in grado di garantirti. Al traduttore freelance puoi fornire il materiale già confezionato in italiano (curriculum vitae ed eventuale lettera di presentazione) e lui lavorerà per te. Puoi anche concordare la formattazione, magari ricalcando quella del CV europeo, anche se adesso si sta facendo sempre più strada il Cv infografico. In questo secondo caso, poiché il confezionamento di una infografica non è competenza di un traduttore, puoi adoperarti tu per crearla, usando però i termini che il professionista ha trovato per te.

Non sai quale traduttore scegliere? Ecco la caratteristica migliore di un buon professionista:

  • avere una conoscenza approfondita di almeno una lingua straniera
  • avere una conoscenza ottima della propria lingua madre

Eh sì, le due cose vanno di pari passo. Poi un traduttore può essere bilingue perché ha vissuto/vive all’estero o ha genitori di nazionalità diverse. Perché ha studiato Lingue all’Università o ha un Diploma di traduzione (e poi ha fatto molta esperienza). Un buon traduttore professionale, insomma, padroneggia correttamente la lingua da cui o verso la quale vuole tradurre.

Cv in inglese già compilato? Sì ma non è il tuo

Qualcuno lo starà pensando. Forse anche tu. È vero, esistono in rete molti siti che offrono un cv in inglese già compilato. Gratis. Certo, ma non è il tuo curriculum. Nel senso stretto del termine. Ad essere tradotti (correttamente, non lo mettiamo in dubbio!) sono solo i campi standard che compongono un curriculum. La personalizzazione è ovviamente a cura dell’utente. Scegli questa opzione solo se rientri nella prima categoria, ovvero quella di chi l’inglese lo sa e anche bene.
Altrimenti rischi di non andare oltre la compilazione del nome, cognome e indirizzo. Campi come esperienze lavorative e personali rischiano di rimanere grammaticalmente o semanticamente scorrette usando solo questo sistema e le tue conoscenze inglesi. A meno che, lo ribadiamo, tu sia in grado di tradurre da solo senza errori.

Non devi tradurre il cv in inglese? Scegli un’altra lingua!

Scusa. Abbiamo dato per scontato che tu debba tradurre il cv in inglese. Non è affatto detto, naturalmente. Puoi aver bisogno di una traduzione in tedesco, in spagnolo o in arabo o cinese. Il cinese mandarino, l’arabo e lo spagnolo sono tra le 5 lingue più parlate al mondo, oltre ovviamente all’inglese, parlato da oltre 414 milioni di persone. E nel mondo del lavoro? Sempre loro:

  • Inglese, ovviamente
  • Cinese. La Cina sta crescendo molto dal punto di vista economico e ciò concorre alla diffusione di questa lingua
  • Spagnolo. Parlata da oltre 500 milioni di persone è la seconda lingua più studiata al mondo Arabo. È la lingua più diffusa in Medio Oriente e parlata come idioma ufficiale da una ventina circa di paesi arabi.

Vuoi conoscere la classifica dei traduttori più richiesti nel 2017? Clicca sul link, scoprirai che non c’è solo l’inglese. Se hai bisogno per motivi di lavoro o di studio di tradurre il tuo curriculum in una di queste lingue (o in altre) puoi pubblicare una ricerca e richiedere un preventivo qui su AddLance. Tanti professionisti sono pronti ad aiutarti.

Ti potrebbe interessare anche…

Traduttore professionale: Lavorare nel Luxury Design

Traduttore professionale: Lavorare nel Luxury Design

Ami il Made in Italy? Se sei un traduttore professionale, lavorare nel luxury design è una carta vincente. Tradurre il "bello" però non è semplice. Scopri subito tutto quello che devi sapere per sfondare nel mondo della traduzione del settore! Traduttore cercasi:...

Traduzione Video Games, Opportunità per Freelance

Traduzione Video Games, Opportunità per Freelance

Oggi più che mai c'è bisogno di tradurre videogiochi. Anche perché si usano nella gamification aziendale e nella gamification a scuola. Scopri quanto conviene la traduzione dei video games, le opportunità per un freelance e per il traduttore professionale che lavora...

Il segreto del Traduttore Freelance

Il segreto del Traduttore Freelance

Simona Savelli, traduttrice freelance Intervista di AddLance Blog con Simona Savelli, traduttrice freelance professionista che spalanca ai nostri lettori le porte del mondo del traduttore di testi. Così, per chi vuole intraprendere l'attività nell'ambito delle...

Commenti

6 Commenti

  1. Carmela

    Salve devo tradurre il mio CV da inglese a italiano

    Rispondi
  2. Rezzouqi soumia

    voglio tradizione mio curriculum in francese

    Rispondi
  3. Angelica Lala

    save..vorrei poter tradurre il mjo CV da italiano ad inglese

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cos’è AddLance?

AddLance è un servizio gratuito che ti permette di trovare l’aiuto che cerchi. Hai bisogno di un logo, di un sito web, di testi, traduzioni, consulenze legali o altro? Su AddLance ottieni gratis i contatti dei migliori professionisti italiani.

Iscriviti alla Newsletter

Share This