Assistente Virtuale: come Gestire i Clienti insoddisfatti. Le Frasi “magiche” e qualche Consiglio per Risolvere il Conflitto

assistente virtuale cliente insoddisfattoSe sei un assistente virtuale e supporti un piccolo customer care o un piccolo e-commerce, prima o poi ti capiterà di dover gestire all’improvviso una chiamata o una chat di un cliente fortemente insoddisfatto, magari proprio mentre sei immerso in tutt’altro.

In genere questa tipologia di cliente inizia la conversazione già con un tono alterato, in alcuni casi anche un po’ scortese e tiene la parola per alcuni minuti. In questa prima fase della comunicazione la loro frustrazione è massima e andrà poi assolutamente abbassata, per poter procedere a individuare una soluzione al problema che l’ha prodotta. Ma prima ascoltalo/leggilo attentamente.

Servono empatia e coinvolgimento per sopperire alla mancanza del vis-a-vis

Ti consiglio di usare questo poco tempo per calarti completamente nella conversazione e iniziare a valutare come puoi aiutare il cliente, facendo al tempo stesso molta attenzione a tutto quello sta dicendo. Perdere un dettaglio o chiedere qualcosa che ti ha già detto lo innervosirebbe ulteriormente. Sempre per lo stesso motivo, meglio anche non interromperlo e assolutamente non invitarlo a calmarsi. Servono piuttosto empatia e coinvolgimento, che dovrai riuscire a manifestare anche senza poter contare sulle espressioni visive.

Leggi anche Segreteria virtuale, ecco 3 consigli utili

Le frasi magiche che calmano il cliente: è questa la sfida da vincere

La sfida qui è proprio quella di restare razionali, senza farsi trascinare nei toni, ma al tempo stesso mostrando un coinvolgimento sincero verso l’esperienza negativa che il cliente sta vivendo. Cerca di rispondere con un tono di voce/conversazione pacato e a far percepire da subito il tuo coinvolgimento, magari con un “Mi dispiace davvero che sia successo questo, in genere non capita, le chiedo scusa“. Se sei al telefono, il tuo tono di voce deve riuscire a rendere il tuo coinvolgimento sincero. Chiedere scusa, anche se non sei stato tu la causa diretta del suo disagio, può essere difficile, ma è necessario: in quel momento tu rappresenti la società per il cliente, anche se sei fisicamente lontano da questa (e con buona probabilità, essendo tu un assistente virtuale, non ci entrerai mai).

Leggi anche Cerchi un assistente virtuale? Prova la Live Chat

Puoi anche mostrare al cliente di essere dalla sua parte: “Capisco il suo stato d’animo, sono qui per aiutarla“. Una sua pausa, il tono di voce che cambia, una sua frase un po’ più pacata sono segnali il cliente inizia a percepire il tuo coinvolgimento. Se ci sono informazioni mancanti, cruciali per poter gestire al meglio il problema, è questo il momento di chiederle. Quando il cliente ha difficoltà a individuarle, offri un supporto visivo dettagliato: “Trova il suo numero d’ordine in alto a destra sotto il logo” o, meglio ancora, se puoi, cerca tu i dati con le informazioni che il cliente ti può dare.

Concorda prima con la società, le soluzioni da fornire per risolvere la crisi

Una volta che i toni si sono un po’ smorzati e che tutte le informazioni necessarie sono state acquisite, si tratterà di fornire e illustrare un paio di soluzioni tra quelle precedentemente concordate con la società. Qui in alcuni casi è necessario essere fermi e autorevoli sulle soluzioni proposte: è la società che le fornisce, non il cliente. Ad esempio, se il cliente si sta lamentando per una consegna non rispettata o non conforme, puoi proporre le sole soluzioni concordate, che potrebbero essere:

  • la restituzione delle spese di spedizione nel primo caso
  • una nuova spedizione con reso della precedente
  • un rimborso
Come trattare invece i casi estremi, in genere molto rari, in cui proprio il cliente non è assolutamente gestibile, assume un comportamento offensivo o categoricamente non accetta nessuna delle soluzioni concordate proposte? In questi casi, meglio metterlo direttamente in contatto con un responsabile.

Rassicura il cliente che sarai tu a gestire il suo problema fino a completa risoluzione

Una volta che il cliente avrà scelto come essere “risarcito”, è importante che percepisca che il suo problema è davvero stato preso in carico da te e che continuerai a gestirlo tu, finché non sarà completamente risolto. Quindi puoi anticipargli che dopo la telefonata riceverà una tua e-mail, che ti prenderà solo qualche minuto, ma ti risparmierà suoi ulteriori contatti telefonici o via chat. Ovviamente poi si tratterà di gestire la soluzione con il corriere, con l’amministrazione o direttamente. Quando poi avrai avuto conferma della soluzione del problema, potrai inviare un’altra breve e-mail al cliente, anticipandogli che sta per ricevere quanto si aspetta e entro quanto lo riceverà. E continuerai a monitorare l’evoluzione della soluzione. Se nel frattempo il cliente ha lasciato feedback negativi in rete, puoi gestirli ringraziandolo e riportando come il problema è stato gestito e risolto.

Chiedi all’azienda di scrivere insieme delle procedure standard per gestire i clienti insoddisfatti

I clienti insoddisfatti, proprio perché rappresentano una forte criticità per l’immagine della società, richiedono una buona dose di energie e di tempo per essere gestiti. Quindi è importante contenerne il più possibile il numero. Per questo, è fondamentale riportare periodicamente le tipologie di reclamo più frequenti al responsabile di progetto, magari suggerendo alcune possibili procedure che possano contenerne il manifestarsi in futuro. In alcuni casi, individuato il problema, può essere utile anticipare la soluzione ai clienti con l’invio di un’email informativa (magari testandola prima su un numero ristretto di clienti target). Infine, se non è ancora stato fatto, è bene chiedere alla società delle procedure standard per la gestione del cliente insoddisfatto, individuando tutti gli scenari possibili. Meglio anche avere già un testo di email da personalizzare, per velocizzarne l’invio a fine chiamata.

Guest post a cura di Cristina Benfenati

Ti potrebbe interessare anche…

Google MyBusiness: come far trovare a tutti la tua attività

Google MyBusiness: come far trovare a tutti la tua attività

Se stai cercando in rete cos'è Google My Business, leggi il nostro post. Ti spiegheremo in poche parole (semplici) come puoi usare questo servizio per far trovare a tutti la tua attività. Scopri di più su Google MyBusiness, il servizio messo a punto da Google per...

Motore di ricerca immagini: 3 cose che (magari) non sai

Motore di ricerca immagini: 3 cose che (magari) non sai

Hai mai sentito parlare di un motore di ricerca immagini? Ti sei mai chiesto a cosa mai potrebbe servirti? Ebbene sì, esistono e servono e sono – naturalmente – molti più di uno. Ecco 3 cose sui motori di ricerca per immagini che forse ancora non sai e che potrebbero...

Mansioni Segretaria: ecco Cosa fa un’Assistente

Mansioni Segretaria: ecco Cosa fa un’Assistente

Stai pensando di assumere una segretaria amministrativa o di front-office? Magari in outsourcing con un ingaggio freelance? E' un'ottima idea che ti solleverà di molte mansioni e ti permetterà di dedicare più tempo alla gestione della tua azienda o della tua attività...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cos’è AddLance?

AddLance è un servizio gratuito che ti permette di trovare l’aiuto che cerchi. Hai bisogno di un logo, di un sito web, di testi, traduzioni, consulenze legali o altro? Su AddLance ottieni gratis i contatti dei migliori professionisti italiani.

Iscriviti alla Newsletter

Share This